Papa Francesco: il 15 dicembre la benedizione dei bambinelli in piazza San Pietro

Condividi questo articolo sui social o stampalo

La prima volta cinquant’anni fa quando, il 21 dicembre 1969, Papa Paolo VI, durante l’Angelus, impartì la benedizione alle statuine dei bambinelli che i ragazzi di Roma avevano portato con loro in piazza San Pietro. Anche quest’anno gli oratori e le parrocchie di Roma torneranno in piazza, domenica 15 dicembre, convocati dal Centro Oratori Romani, per un appuntamento di festa, testimonianza e preghiera con Papa Francesco che di anno in anno segna la preparazione al Natale di centinaia di bambini, animatori e famiglie. “È Natale anche qui!” è il tema scelto per questa edizione. Il Pontefice, in quell’occasione, benedirà i bambinelli che verranno portati in piazza, che dalle prime ore del mattino si colorerà della presenza festosa dei piccoli e degli adolescenti degli oratori romani. Parteciperanno, prima, nella basilica vaticana, alla messa presieduta dal card. Angelo Comastri, e poi, in piazza, in un’area apposita transennata, a un momento di animazione aspettando la recita dell’Angelus con Francesco. Il Papa, nel corso della preghiera, benedirà le statuine che i ragazzi avranno portato con loro. “La benedizione dei bambinelli, giunta al suo 50° appuntamento – sottolinea il presidente del Cor, David Lo Bascio – ci ricentra sul mistero del Natale, ricordando a tutti noi che il Signore della Storia viene senza clamore, nel freddo di una grotta. E soprattutto richiamandoci a questa verità: se l’Eterno ha scelto di farsi carne nascendo bambino, noi adulti come possiamo continuare a ignorare le loro istanze, i loro diritti, la loro soggettività? Adorare il Cristo che viene significa adorare anche la sua condizione di piccolo e cambiare la nostra vita, il nostro sguardo e la nostra società perché siano più a misura di bambino”.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *