“NoiExpo” il mensile gratuito che nasce da una sinergia editoriale fra Avvenire e Famiglia Cristiana

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
expo 2015Si chiama “NoiExpo” il mensile gratuito (6 numeri, diffusione in 500mila copie) dedicato interamente ai temi dell’esposizione universale di Milano, che nasce da una sinergia editoriale fra Avvenire e Famiglia Cristiana, con il sostegno dell’Ufficio comunicazione Chiesa in Expo. La pubblicazione formato tabloid è disponibile dentro e fuori il sito espositivo della Santa Sede e nell’edicola di Caritas Internationalis, nelle principali stazioni della metropolitana milanese, nelle oltre mille parrocchie della diocesi di Milano. “NoiExpo” – spiegano i promotori – “nasce per raccontare i temi dell’Esposizione e la presenza della Chiesa in Expo, con uno sguardo attento all’approfondimento e originale, cioè oltre le convenzioni e le polemiche, sul grande evento di Milano. Il diritto al cibo e all’acqua per tutti, il land grabbing, le speculazioni finanziarie che minacciano le comunità rurali e l’impegno della Chiesa nel mondo contro la fame: questi argomenti saranno raccontati e approfonditi dalle firme di Famiglia Cristiana, di Avvenire e da altri collaboratori”. Il primo numero sarà disponibile il 16 maggio e conterrà un saluto dell’arcivescovo di Milano, cardinale Angelo Scola, e due editoriali dei direttori delle testate promotrici, Marco Tarquinio e don Antonio Sciortino. Il prodotto cartaceo avrà una seconda vita sulla rete e una campagna social con l’hashtag #noiexpo amplierà l’audience.

 

“Expo 2015 è un’importante occasione per riflettere su uno dei mali che più affligge l’umanità, cioè la fame di milioni di persone che non hanno l’accesso al cibo per mancanza di soldi, essendo poveri. La globalizzazione della solidarietà, in tema di alimentazione, è un obiettivo perseguibile, perché nel mondo c’è cibo per tutti. Basta averne la consapevolezza e agire di conseguenza”, afferma don Antonio Sciortino. “Lo speciale press magazine mensile servirà a tenere viva la consapevolezza – aggiunge – che il cibo manca perché alcuni ne hanno troppo e altri troppo poco”. Secondo Marco Tarquinio “l’Esposizione universale rappresenta davvero una grande possibilità per incontrare e conoscere il mondo nella sua ricca varietà. E, al tempo stesso, è una notevole e persino imperdibile occasione per nutrire l’intelligenza e coltivare la speranza”. “È per questo che, assieme a Famiglia Cristiana e con il contributo del Padiglione della Santa Sede, abbiamo deciso di darci uno strumento ulteriore di servizio ai lettori”. “NoiExpo” è dunque uno “specifico complemento al lavoro che stiamo sviluppando sulle pagine del nostro quotidiano, su Popotus, su Luoghi dell’Infinito e sul sitowww.avvenire.it”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *