FOTOCRONACA Pellegrinaggio in Terra Santa, si torna a casa!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Leggi anche:
– FOTOCRONACA In 37 dalla nostra Diocesi per la Terra Santa

– Pellegrinaggio in Terra Santa, secondo giorno stupendo sulle orme di Mosé!

– Abbiamo seguito Mosé fino al Monte Nebo (terzo giorno)

– Gesù è nato, venite adoriamo, anche noi come i pastori abbiamo adorato Gesù Bambino! (quarto giorno)

– FOTOGALLERY Gesù è stato qui! Chiesa della “condivisione” dei pesci, monte delle Beatitudini, lago di Tiberiade e… (quinto giorno in Terra Santa)

Di Giuseppe Capretti e Clara Citeroni

TERRA SANTA – Alle 7 del mattino di mercoledì 12 febbraio, sesta giornata di pellegrinaggio in Terrasanta ci ritroviamo all’interno della Basilica dell’Annunciazione per partecipare alla Messa concelebrata da Don Peppe, Don Rastislav e Don Giovanni, le nostre guide spirituali in questo viaggio.
Nei sotterranei e nei dintorni della Basilica sono ancora ben visibili i resti di abitazioni dei tempi di Gesù; abbiamo, in tal modo, sotto la sapiente spiegazione di Don Rastislav, immaginato la quotidianità del tempo e cercato di comprendere con più consapevolezza alcuni brani del Vangelo.
Il viaggio prosegue verso il Monte Tabor dove Don Rasti sollecita la nostra curiosità con lettura del brano del Vangelo di Marco , cap. 9, sulla trasfigurazione di Gesù.
Nel primo pomeriggio abbiamo fatto il nostro ingresso a Gerusalemme e dopo un frugale pasto la nostra visita è iniziata alla Chiesa del Gallicantu eretta dove sorgeva la casa di Caifa.
Facendo riferimento al Vangelo di Giovanni, Don Rasti ci ha fatto una meravigliosa catechesi sugli ultimi giorni della vita terrena di Gesù.
La giornata si è conclusa al Muro Occidentale (comunemente chiamato Muro del pianto), dove noi del gruppo ci siamo divisi tra uomini e donne per raccoglierci in preghiera nei propri settori.
In questi giorni di pellegrinaggio abbiamo avuto la fortuna di avere come guida spirituale e turistica Don Rastislav che con le sue omelie e catechesi ci ha spalancato il grande sapere dei Testi Sacri. Come non ricordare il nostro passaggio per la città di Nain (che significa città deliziosa) accompagnato dalla lettura del Vangelo della vedova di Nain dove Gesù resuscita il figlio della donna, così come la spiegazione del passo del Vangelo di Giovanni sulla Samaritana e l’immagine del pozzo che raffigura il luogo di incontro.
Stanchi ma felici si sono abbassate le luci di questa giornata.
L’ultima giornata di giovedì 13 febbraio è dedicata interamente a Gerusalemme, Monte degli Ulivi, Dominus Flevit, Getsemani, Via Crucis lungo la via Dolorosa ripercorrendo le strade calpestate da Gesù con la Croce Santa, preghiera al Santo Sepolcro, Santa Messa celebrata per l’ultima volta in questo viaggio da tutti i nostri parroci.
Venerdì 14 febbraio dopo esser partiti alle ore 7.30 (8.30 ora italiana) da Casa Nova giungiamo a Grottammare alle 18.45.
Grazie a Don Giovanni che ci ha unito giovani e meno giovani sotto una fede comune e ancora una volta ci ha fatto scoprire, per altri riscoprire, il vero senso del pellegrinaggio in Terrasanta.
Grazie a Don Peppe che ci ha rallegrato e guidato con la sua preghiera ed i suoi canti (in special modo durante la Via Crucis da lui guidata).
Grazie a Don Rastilav per aver condiviso con noi la sua immensa cultura teologica e spirituale.
Grazie a tutti componenti del gruppo perché ognuno ha “condiviso” ciò che aveva.
Al prossimo anno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *