Monteprandone, il Conte Villa Prandone, vini dal 1988

Condividi questo articolo sui social o stampalo

 

Avvinamenti Gastronomici

MONTEPRANDONE – L’azienda vitivinicola “Il Conte Villa Prandone” nasce nel cuore del Piceno, sulle colline del caratteristico borgo medievale di Monteprandone. Qui le pendici vengono accarezzate dalle profumate brezze del mare Adriatico che si incontrano e si fondono con le miti correnti dei Monti Sibillini. Un’unione che, sposando un terreno argilloso, regala ad ogni vitigno dei sapori e degli aromi unici oltre ad un microclima ideale per la loro crescita. L’origine dell’azienda agricola ha radici profonde, tra storia, arte e viticultura delle Marche. Situata al centro di 40 ettari di vigneti in propietà, a Monteprandone in Contrada Colle Navicchio. Conosciuta principalmente per la produzione di vini caratteristici della zona in cui sorge, si differenzia per la costante, estrema ricerca di qualità assoluta.
Nel 1988 Marino rileva l’azienda che ora dispone di 11 ettari vitati, nasce così l’azienda Il Conte Villa Prandone. Visti i grandi risultati ottenuti, la valorizzazione del territorio ed il grande attaccamento alla famiglia, l’anno seguente entrano in azienda i suoi figli, Marina, Walter, Emmanuel e Samuel, nati accanto ai vigneti di famiglia. Dopo aver sposato appieno il progetto di sostenibilità e sulla viticultura a basso impatto ambientale, nel 1997 esce sul mercato il primo vino, lo Zipolo, blend di Montepulciano, Sangiovese e Merlot. Attualmente l’azienda può contare su 50 ettari vitati, 15 dei quali in affitto, la caratteristica che contraddistingue tutti i vigneti sono gli anni di impiantamento conferendo mineralità e struttura, il più vecchio, infatti, ha cinquant’anni d’età e sono tutti situati tra i 150 ed i 200 metri d’altitudine. Numerosi i vitigni coltivati, principalmente quelli che rappresentano il territorio come Passerina, Pecorino, Montepulciano e Sangiovese, ma ci sono anche piccoli appezzamenti di Trebbiano, Lacrima, Malvasia, Tannat, Sauvignon blanc, Chardonnay e merlot. In totale l’azienda produce una quindicina di vini per un totale di circa 250.000 bottiglie/anno. Un’azienda piuttosto organizzata con la possibilità di portare la produzione a 500.000 bottiglie, circa il 70% delle quali sono esportate in 28 diversi paesi. La cantina, rinnovata ed ampliata nel 2022 è dotata di impianto fotovoltaico e di sistema di recupero delle acque piovane.
tra i vini aziendali più importanti, abbiamo trovato uno stile che li accomuna, impostato sulla potenza, sull’opulenza e sull’intensità, sia olfattiva che gustativa. Il vino preferito dai molti amanti del vino rosso è l’Igp Marche Rosso Lu Kont. Il suo nome non è altro che il soprannome dato a Amilcare De Angelis, il vino viene prodotto con uve Montepulciano in purezza provenienti da un vigneto messo a dimora nel 1966, la fermentazione si svolge in vasche d’acciaio, mentre l’affinamento per 15 mesi in barriques, seguito da ulteriori 12 mesi in vasche di cemento, ulteriore sosta in bottiglie per sei mesi prima della commercializzazione. Viene prodotto esclusivamente nelle migliori annate, in quantità limitata, circa 3.000 bottiglie. Molto bello il colore, profondissimo e luminoso con unghia color sangue. Buona la sa intensità olfattiva, vi si coglie un frutto rosso dolce, una ciliegia matura, note di surmaturazione, spezie dolci, accenni balsamici. Strutturato, intenso ed alcolico, succoso, sapido, piccante, pepato, con buona trama tannica e bella vena acida, bel frutto, ciliegia matura, accenni di cioccolato alla menta, lunga la sua persistenza su note di liquirizia dolce. Una Cantina dalle antiche tradizioni traghettata da giovani promesse del vino del piceno.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *