Massimo Cacciari conferma a Torino l’amicizia con l’Associazione “I Luoghi della Scrittura”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nel padiglione della Regione Marche, gremito come non mai, alla presenza di numerosi visitatori e giornalisti, ha fatto visita il Prof. Massimo Cacciari, da sempre ospite e amico dell’Associazione Culturale “I Luoghi della Scrittura”. A presentare l’evento il presidente dell’associazione Mimmo Minuto, mentre ha dialogato con il noto filosofo Silvio Venieri. Quest’ultimo ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Massimo Cacciari ha delineato le coordinate storiche della crisi del pensiero moderno, facendo rimando anche alla sua ultima opera “Paradiso e Naufragio”. Ne ha individuate alcune tendenze fondamentali che tuttora perdurano nella contemporaneità. Attualmente i pericoli immanenti sono soprattutto individuabili in riferimento al conflitto armato che ha colpito al cuore l’Europa.
Ovviamente, sono evidenti tutti i rischi conseguenti, anche in termini economico-finanziari e sociali.

Nel corso della rassegna Piceno d’Autore, giunta alla tredicesima edizione, che si terrà a Monteprandone, dal 5 all’8 luglio e che verterà sul tema “Recessione o crescita? Idee per guardare al futuro dell’economia”, le personalità che interverranno nel corso della manifestazione, tra cui il Prof. Cacciari, avranno occasione di occuparsi di tali processi economico-sociali”.

Interpellato a tal proposito, ovvero sull’eventualità che questa crisi non diventi una catastrofe, Cacciari ha offerto il suo punto di vista:

“La reale la soluzione ci sarà chissà quando, perché comporta superare divergenze storiche note, massacri. Il sangue non è acqua. E quindi chissà come, chissà quando arriverà la soluzione. Al momento è necessario il cessate il fuoco, un armistizio e su quella base vedere se ci sono margini reali di trattativa”.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *