Liturgia: Pontificia Accademia teologia, dal 6 novembre incontro su inculturazione celebrazioni all’indomani del Sinodo

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Prenderanno il via il 6 novembre i dialoghi della Pontificia Accademia di teologia, una serie di eventi con l’obiettivo di mettere in stretta collaborazione le istituzioni universitarie ecclesiastiche romane stimolando un dialogo fecondo per favorire un lavoro comune, coordinato e condiviso su teologia, filosofia e scienze umane.
Il primo, dedicato a “Inculturazione delle celebrazioni liturgiche: attualità e prospettive future all’indomani del Sinodo sull’Amazzonia” si terrà mercoledì 6 novembre presso la Pontificia Università Urbaniana, a partire dalle 16. Ad aprire i lavori saranno Pierangelo Muroni, decano della Facoltà di teologia della Pontificia Università Urbaniana, e mons. Ignazio Sanna, presidente della Pontificia Accademia di teologia.Il tema dell’interculturazione verrà approfondito attraverso interventi di José Luis Gutierrez Martin, (Università Santa Croce), Maurizio Gronchi, (Università Urbaniana), Damasio Medeiros, (Università Salesiana) e Markus Tymister, (Pontificio Ateneo S. Anselmo). L’incontro proseguirà con un dialogo tra i partecipanti, moderato da Manlio Sodi, nel corso del quale interverrà Corrado Maggioni, sottosegretario della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti. “All’indomani del Sinodo sull’Amazzonia – afferma mons. Sanna – crediamo utile avviare un confronto che inviti a promuovere una pastorale d’insieme e ad offrire liturgie inculturate”. “Lo faremo – aggiunge – seguendo le indicazioni che Papa Francesco ci ha dato l’anno scorso durante l’udienza alla Pontificia Accademia di teologia: essere luogo di confronto e dialogo per la comunicazione del Vangelo in contesti sempre nuovi, lasciandoci sollecitare dalle urgenze che giungono dall’umanità sofferente per offrire il contributo di un pensiero credente, incarnato e solidale”.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *