Direttore Pompei: “Edith Stein va ricordata specie in questi nostri tempi di rigurgito fascista e nazista”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Pietro Pompei

Venerdì, 9 agosto, il calendario riporta il nome di Teresa Benedetta della Croce (al secolo Edith Stein), patrona d’Europa e martire del nazismo. Fa parte del gruppo dei martiri deportati ad Auschwitz e che vanno ricordati, specie in questi nostri tempi di rigurgito fascista e nazista. Filosofa di grande valore, il suo pensiero resta di grande attualità, specie la dove affronta il problema dell’empatia.

Noi la vogliamo ricordare con uno stralcio preso dall’omelia di San Giovanni Paolo II pronunciata l’11/10/98 il giorno della canonizzazione.)

“L’amore di Cristo fu il fuoco che incendiò la vita di Teresa Benedetta della Croce. Prima ancora di rendersene conto, essa ne fu completamente catturata. All’inizio il suo ideale fu la libertà.
Per lungo tempo Edith Stein visse l’esperienza della ricerca. La sua mente non si stancò di investigare ed il suo cuore di sperare. Percorse il cammino arduo della filosofia con ardore appassionato ed alla fine fu premiata: conquistò la verità, anzi ne fu conquistata. Scoprì, infatti, che la verità aveva un nome: Gesù Cristo, e da quel momento il Verbo incarnato fu tutto per lei.
Guardando da carmelitana a questo periodo della sua vita, scrisse ad una benedettina: “Chi cerca la verità, consapevolmente o inconsapevolmente cerca Dio”.
Pur essendo stata educata nella religione ebraica dalla madre, Edith Stein a quattordici anni “si era consapevolmente e di proposito disabituata alla preghiera”. Voleva contare solo su se stessa, preoccupata di affermare la propria libertà nelle scelte della vita. Alla fine del lungo cammino le fu dato di giungere ad una constatazione sorprendente: solo chi si lega all’amore di Cristo diventa veramente libero.
L’esperienza di questa donna, che ha affrontato le sfide di un secolo travagliato come il nostro, diventa esemplare per noi: il mondo moderno ostenta la porta allettante del permissivismo, ignorando la porta stretta del discernimento e della rinuncia.
Mi rivolgo specialmente a voi, giovani cristiani… : guardatevi dal concepire la vostra vita come una porta aperta a tutte le scelte! Ascoltate la voce del vostro cuore! Non restate alla superficie, ma andate al fondo delle cose! E quando sarà il momento, abbiate il coraggio di decidervi! Il Signore attende che voi mettiate la vostra libertà nelle sue mani misericordiose”.

Pochi mesi prima della sua deportazione ad Auschwitz, nacque una delle preghiere più belle della Stein  allo Spirito Santo:
“Chi sei tu, dolce luce, che mi riempie e rischiara l’oscurità del mio cuore? Tu mi guidi come una mano materna e mi lasci libero, così non saprei più fare un passo. Tu sei lo spazio che circonda il mio essere e lo racchiude in sé, da te lasciato cadrebbe nell’abisso del nulla, dal quale tu lo elevi all’essere. Tu, più vicino a me di me stessa e più intimo del mio intimo e tuttavia inafferrabile ed incomprensibile che fai esplodere ogni nome: Spirito Santo – Amore eterno!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *