Grottammare, ACG diocesana: Infinito Faber!

Condividi questo articolo sui social o stampalo

GROTTAMMARE – «Se non avessimo in noi, connaturato, un qualche legame con l’infinito, la “fine” delle cose, specie delle più piacevoli, amene, preziose (la fine di una vita, ma anche la fine del vasetto di Nutella, la fine della giovinezza o la fine di un amore), meriterebbe solo una nostra presa d’atto, una constatazione. Il dispiacere, il dolore sono esistenzialmente sintomi e testimoni di una parte di noi che conosce e desidera l’infinito» (Davide Rondoni, E come il vento, Fazi editore).

Queste parole di Davide Rondoni mi hanno ricordato l’incontro di lunedì sera con don Salvatore Miscio e il gruppo Faberacustic al “Pub Dillà” in quel di Grottammare. L’ultima canzone di De André è arrivata mentre io, sapendo che era l’ultima della serata, mi auguravo che durasse un po’ di più, che il piacere di quello stare insieme potesse continuare ancora un po’, potesse essere infinito.

L’Azione Cattolica continua a sfornare proposte autenticamente “cattoliche”, cioè rivolte a tutti e la serata, organizzata per presentare il libro di Don Salvatore Miscio “Dio del cielo vienimi a cercare” pubblicato dall’editrice AVE, ha visto la partecipazione di persone di opinioni diverse, credenti e non credenti, di provenienze geografiche diverse, con storie ed età diverse. C’erano i giovani e gli adulti di Azione Cattolica, i preti, i membri di una corale, gli appassionati di Fabrizio De André,… e c’era anche una piccolissima bambina di qualche mese!

L’occasione ci è stata offerta dall’incaricato AVE della nostra Diocesi di San Benedetto, Michele Rosati. È stato lui a proporci la presentazione di un bel libro, “Dio del cielo, vienimi a cercare”, scritto da don Salvatore Miscio, sacerdote della Diocesi di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo e assistente ecclesiastico diocesano e regionale per il Settore Giovani di Azione Cattolica.

Il Settore giovani dell’Azione Cattolica Diocesana ha contattato l’autore per concordare con lui una serata in cui presentare il libro e ascoltare alcune canzoni di Fabrizio De André. Il luogo, un pub di Grottammare, è stato scelto per favorire l’adesione all’iniziativa di giovanissimi e giovani e consentire loro di incontrare e conoscere meglio Fabrizio De André, un uomo in ricerca.

Tutti siamo rimasti colpiti dall’atmosfera accogliente del locale, dall’armonia di musica e parole e dalla capacità di don Salvatore di prenderci per mano e farci percorrere i tratti salienti della vita e della poetica di De André, sottolineando la sua passione per l’uomo e il suo amore per Gesù.

Stefano e Claudio del gruppo Faberacustic e don Salvatore hanno veramente trasmesso emozioni a tutti i presenti. Al termine della presentazione del libro, infatti, lo spazio per le domande o risonanze è stato preso d’assalto: in molti c’era il desiderio di condividere un ricordo di Fabrizio, o di testimoniare la meraviglia per un De André un po’ meno noto, il De André che incontra Gesù.

Intanto la bimba, cullata dalle note delle canzoni, dormiva tra le braccia della mamma.

Guardavo il suo piccolo faccino e poi guardavo le persone attorno a me: sul volto di ognuno c’era la stessa espressione beata e pacifica di quella bambina addormentata. Era come se la musica, il canto e le parole di don Salvatore avessero per un attimo riconciliato tutte le contraddizioni che in questi giorni ci avevano fatto prendere posizione contro questo o contro quello,…

Così oggi, sollecitato dalle parole di Davide Rondoni, non ho potuto fare a meno di scrivere che sì, mi sarebbe piaciuto molto che l’incontro con De André fosse infinito!

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *