Don Gabriele Brusco ha invitato il personale sanitario di Liverpool a praticare l’obiezione di coscienza

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

“Don Gabriele Brusco, il sacerdote italiano che è stato accanto agli Evans in questi giorni, ha impartito al piccolo Alfie il sacramento della Cresima, unzione degli infermi e ha recitato le preghiera di accompagnamento. Il sacerdote ha potuto parlare con il personale sanitario illustrando loro la necessità dell’obiezione di coscienza e che non si può interrompere una vita umana. Il sacerdote ha detto loro che anche se queste sono le leggi umane, ‘si possono infrangere per seguire quelle di Dio: ho detto loro della banalità del male’. La reazione delle infermiere è apparsa stizzita e infastidita: ‘Questa è la sua opinione’. ‘Io ho dovuto ribadire la verità – ha ribattutto il sacerdote – qualcuno forse avrà crisi di coscienza, forse questa notte non dormirà, ma era l’ultima cosa che potevo fare’”. È quanto riportato dalla giornalista Benedetta Frigerio sulle colonne della testata on line La Nuova Bussola Quotidiana. La giornalista, nei giorni scorsi, insieme Riccardo Cascioli, direttore dello stesso giornale, e a Mons. Cavina, Vescovo della Diocesi di Carpi, ha accompagnato Thomas Evans, il papà di Alfie, da Papa Francesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *