Ue: Strasburgo, celebrati i 30 anni di Erasmus. Cultura e formazione oltre i confini per 9 milioni di giovani

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

STRASBURGO – “Ogni singolo euro che investiamo in Erasmus+ è un investimento nel futuro: il futuro dei giovani e il futuro del nostro ideale europeo. Non riesco ad immaginare nulla che meriti i nostri investimenti più di questi leader di domani. Mentre celebriamo la novemilionesima persona che ha preso parte al programma dobbiamo fare in modo di essere nove volte più ambiziosi per l’avvenire di Erasmus+”. Lo afferma Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea, che, con Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo, hanno presieduto oggi le celebrazioni organizzate per il 30° anniversario del programma Erasmus presso il Parlamento Ue di Strasburgo. Per sottolineare l’occasione, la Commissione ha varato la nuova applicazione mobile per il programma Erasmus+. L’app, “concepita per gli studenti e per coloro che partecipano a corsi professionali e a scambi di giovani, faciliterà la loro esperienza nell’ambito di Erasmus+”. Dal 1987, anno di nascita del programma Erasmus originale, 9 milioni di persone – spiega la Commissione – hanno beneficiato di uno scambio all’estero. Nel corso della celebrazione a Strasburgo i presidenti del Parlamento europeo e della Commissione hanno consegnato un premio simbolico per il “novemilionesimo partecipante ad Erasmus” a 33 rappresentanti della generazione Erasmus+, uno per ogni Paese europeo che aderisce al programma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *