Nuova illuminazione piazza S. Pietro: Governatorato, “nuova prospettiva” e “risparmio energetico”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

San Pietro 9 (960x540)Con la cerimonia di accensione del nuovo impianto di illuminazione di gala in piazza San Pietro, svoltasi nella serata del 20 ottobre, “si è concluso un lungo percorso di rinnovamento incominciato diversi anni fa con il restauro del colonnato del Bernini”. Lo scrive Rafael García de la Serrana Villalobos, direttore dei servizi tecnici del Governatorato, su L’Osservatore Romano  in edicola da questo pomeriggio, con la data di domani, sabato 22 ottobre. A partire dal 2009 gli esperti della Direzione dei servizi tecnici e i restauratori della Direzione dei Musei vaticani, con l’aiuto di importanti imprese specializzate nel restauro monumentale, hanno lavorato per riportare il colonnato al suo splendore. García de la Serrana ricorda l’inaugurazione, il 7 dicembre 2015,  a poche ore dall’apertura della porta santa, della nuova illuminazione pubblica di piazza San Pietro a cura dell’Acea: oltre cento lampade led sui candelabri, sulle fontane e sulle diciotto lanterne del colonnato.  Il nuovo progetto, spiega, prende lo spunto dal precedente “aprendolo alle nuove risorse che la tecnologia led oggi consente”. Così l’apporto di luce in piazza San Pietro “sinora ottenuto con l’utilizzo di sessantasei fari con lampada a scarica da 1000W, viene ora proposto con centotrenta fari led della potenza di 238W cadauno con un conseguente risparmio energetico di oltre il 50 per cento”. Ottimizzato anche l’impatto estetico: i nuovi apparati sono nascosti sui davanzali e “si integrano perfettamente nell’architettura con una colorazione prodotta ad hoc”. La nuova illuminazione, che dona “nuova prospettiva alla piazza” e ne migliora la visibilità notturna, “è il risultato di un accurato studio di progettazione durato alcuni mesi portato avanti dai tecnici della Direzione dei servizi tecnici del Governatorato con la collaborazione della società Osram”. Obiettivo del progetto, conclude García de la Serrana, “creare un impianto in completa sintonia e armonia con l’architettura della piazza che illuminasse senza interferire con i suoi volumi”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>