A Grottammare è andato in scena la prima edizione del Torneo “Il Calcio di Riccardo”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

“RIVIERA GOMME” Torneo “Il Calcio di Riccardo”

di Eloise Vullo

GROTTAMMARE – Giornata di festa quella del 23 Luglio al complesso “Pirani di Grottammare”. L’ASD Sporting Grottammare del presidente Nicolino Giannetti ha sposato la buona causa dell’associazione “Insieme per Riccardo” per cercare di contribuire nella raccolta fondi  organizzando un torneo di calcio a 7 con la bellezza di ben 15 squadre che si sono date battaglia per 7 ore dalle ore 16:30.

Hanno partecipato al torneo le seguenti squadre: Byte Computer, Porchia Calcio, Viva Sport, Frek Cafe, Riviera Gomme, Bagalini Team, Sporting Piemme, FC Longobarda, Salaria 94, Buzzarii, Galway Irish GMD, Valtesino Calcio, Solidarietà e Partecipazione, Azzurra Mariner e Drink Bar.

Il torneo si è svolto con la formula dei triangolari giocando su tre campi contemporaneamente con la Byte Computer, Frenk Cafe, Riviera Gomme, Salaria 94, Galway Irish GMD  e infinee l’Azzurra Mariner che hanno superato il primo turno.

Un bel clima di sport si respirava nell’aria del “Pirani” pieno di atleti con rispettivi amici e famiglie per una giusta causa: essere presenti anche loro per il piccolo Riccardo.

Vincitrici delle semifinali e quindi in finale il Riviera Gomme e l’Azzurra Mariner che alle ore 23.30 si sono date battaglia con una bella partita. La spunta il Riviera Gomme ribaltando il pronostico e aggiudicandosi la prima edizione del torneo con il punteggio di 3-2 e reti di Marcozzi D., Sciarra e Zappala.

Capocannoniere del Torneo Matteo Pomili della squadra “Riviera Gomme” che con 7 reti si aggiudica il trofeo.

Si ringrazia per la buona riuscita del torneo l’ASD Sporting Grottammare e il suo staff, tutte le squadre intervenute, Francesco Libbi, Marco Meconi, Bruni Gianpaolo, gli arbitri, Salpi e Kimberley Preziosi per i premi, Viva Sport, l’Amministrazione Comunale, il Grottammare Calcio e la Regione Marche.

Nonostante la fatica, lo stress, l ‘ansia e  la paura che qualcosa andasse male, abbiamo passato una serata indimenticabile. Tante sono state, infatti, le emozioni vissute insieme alle migliaia di persone che hanno partecipato al nostro evento:  abbiamo raccontato tutto sul perché questa nuova Associazione dal nome “Insieme per Riccardo” è nata e molte sono state le lacrime di commozione dei partecipanti, unitesi naturalmente alle nostre. La solidarietà raccolta ha superato le nostre aspettative perché hanno partecipato persone della provincia picena e non solo, molte rappresentanze  politiche (anche regionali) e anche tanti turisti.

Possiamo, quindi, dire che  il piccolo Riccardo ha compiuto un vero e proprio miracolo di solidarietà: l’aria che si respirava era quella di una grande famiglia unita che ha creduto e crede alla nostra iniziativa e combatte con noi la nostra battaglia.

Riportiamo alcune delle parole pronunciate durante la serata, dove l’attenzione e le lacrime  delle mamme,  dei papà e dei nonni  non ci hanno fatto sentire soli.

La mamma, Giuditta Vullo, vicepresidente dell’Associazione, ha detto: “Sentirsi dire <<suo figlio è affetto da una rara malattia genetica>> per riflesso ti fa sentire sola ma oggi posso dire però di non esserlo affatto: la solidarietà dimostrata ha superato le aspettative e non si deve credere di vivere in un mondo malvagio. Io sono una mamma felice, mio figlio per me è un  grande dono. Dono vuol dire grande gioia ma non c’è vera gioia senza gli altri, come è vero che non c’è speranza se non si spera insieme e la speranza è frutto del donare, della condivisione, della solidarietà”.

La zia, Eloise Vullo, presidente dell’Associazione, ha detto: “Questa sera voglio raccontarvi una storia che mi ha dato la forza di intraprendere questo percorso. Anni fa ho perso un caro amico in un incidente in Afghanistan: eravamo abituati ha scambiarci delle e-mail e proprio una settimana prima dell’incidente me ne aveva scritto una. In questa email mi raccontò di essere stanco e di avere voglia di tornare a casa, ma soprattutto mi scrisse una frase alla quale io, allora, non avevo dato peso. “Tu sei destinata a fare grandi cose”. Questa sera posso dire che ho finalmente dato un senso a quelle parole e che ho veramente creato qualcosa di grande per il mio nipotino.. sapete come si chiamava questo mio Amico?? Riccardo, e oggi voglio ringraziarlo per avermi aiutato a capire che se si vuole qualcosa davvero basta crederci. Cosi ho deciso di far conoscere la storia di Riccardo tramite una pagina su Facebook dal nome “tutti con Riccardo”, che ha riscosso fin da subito un grande interesse nelle persone e ha aiutato me e mia sorella a capire che potevamo essere i primi a creare una Onlus che si dedicherà a lottare per questi bimbi e ragazzi speciali che vivono oggi con questa malattia”.

Ecco, infine, le parole del Sindaco di Grottammare che ha voluto essere presente alla serata insieme ad altre figure di rappresentanza dell’Amministrazione comunale: “Sono entusiasta della riuscita del vostro evento: è la prima volta che qualcuno organizza  qualcosa di cosi bello e familiare e il comune di Grottammare per voi ci sarà per qualsiasi cosa. Auguriamo al piccolo Riccardo un grosso in bocca a lupo e vi ringrazio a nome di tutti per averci dato la possibilità di provare queste forti emozioni, contento della grandissima solidarietà.”

Infine un grazie al grandissimo staff, composto da tutti volontari tra parenti, amici e persone che si sono offerte per darci una mano e che hanno lottato duramente senza fermarsi un attimo affinché tutto procedesse bene e tutto fosse buono, cosi come poi  le persone ci hanno confermato. Oggi, sentendo ognuno di loro nel proprio cuore la causa per cui hanno tanto sofferto, sono felicissimi, si sono divertiti e sono diventati grandi amici. La vittoria del torneo di calcio è stata della squadra “Riviera gomme” che ha voluto non solo giocare e vincere per Riccardo, ma che ha anche donato la coppa della vittoria al nostro piccolo guerriero.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *