Provincia, Comuni e Legambiente insieme per incentivare la raccolta differenziata

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ASCOLI PICENO – Dopo l’apprezzato convegno promosso dall’Ata sulla strategia “Rifiuti Zero” ha preso il via ieri con grande slancio e convinzione il progetto finanziato dalla Provincia con la collaborazione di Legambiente Marche per implementare azioni di sensibilizzazione sulla raccolta differenziata nei 33 Comuni del Piceno. Numerosi sindaci e assessori all’Ambiente hanno infatti partecipato all’incontro convocato a palazzo San Filippo, dal Presidente della Provincia Paolo D’Erasmo, per condividere insieme obiettivi ed attività da realizzare, anche con il coinvolgimento del mondo della scuola, per incentivare la raccolta differenziata: un percorso fondamentale per ridurre costi e rifiuti prodotti. Si è costituito un vero e proprio tavolo di lavoro per valutare ed attuare iniziative e buone prassi coordinato dall’assessore all’Ambiente del Comune di Folignano Matteo Terrani.

Provicia e Comuni si avvarranno dell’assistenza tecnica e dell’esperienza di Legambiente Marche che era presente alla riunione con la presidente Francesca Pulcini e il suo staff. E’ intervenuto anche un rappresentate di Picenambiente, visto che il progetto è aperto anche alle società di servizio del ciclo dei rifiuti.

Nelle prossime settimane gli assessori all’Ambiente si incontreranno con i dirigenti scolastici: già dal prossimo settembre, infatti, con l’inizio del nuovo anno scolastico verranno programmate attività di sensibilizzazione ed educazione nelle scuole del territorio a partire da quella primaria con il coinvolgimento degli insegnanti e delle famiglie degli studenti.

 

La costruzione di un Piano d’Ambito sostenibile ed attento alle esigenze ambientali non è solo una questione meramente tecnica, ma passa anche per la consapevolezza e l’apporto della comunità su sfide culturali importanti come quelle della raccolta differenziata, che si fondano su comportamenti e buone prassi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *