Monsignor Galantino: l’affidabilità della Chiesa dipende anche dal modo in cui amministra le risorse

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Galantino“Sono convinto che a noi i soldi servono. Non apprezzo quelle realtà, anche religiose ed ecclesiali, che pur possedendo risorse fanno di tutto per mostrare in pubblico che a loro la cosa non interessa. Apprezzo invece chi queste risorse le ha e si impegna, anche con l’aiuto di persone esperte, per utilizzarle nel modo più fruttuoso per i fini che gli sono propri”. Lo ha affermato il segretario generale della Cei, monsignor Nunzio Galantino, aprendo a Roma i lavori del workshop ”La Chiesa cattolica e la sfida degli investimenti socialmente responsabili. Nell’occasione, Galantino si è soffermato in particolare sul tema delle spese per il culto e la pastorale: “Non sono mica le candele”, ha detto con una battuta. “Per noi il culto diventa vita e la vita diventa culto”, ha proseguito”, “e questo lo si vede per esempio nelle periferie, dove spesso le istituzioni civili non sono presenti, o nella tutela dei beni culturali”.
“Quello delle risorse finanziarie è un tema sensibile – ha osservato il segretario della Cei – e i soggetti coinvolti sono esposti ad interpretazioni strumentali. Il modo in cui si amministra il denaro è diventato un indice generale dell’affidabilità della Chiesa. Quando parliamo di Gesù magari non se ne vanno per buona educazione, ma nel cuore pensano che ci ascolteranno quando avremo imparato a utilizzare bene quelle risorse”. Ecco perché è necessaria una riflessione attenta su questi temi. “Non si parte da zero”, ha puntualizzato mons. Galantino citando le encicliche Centesimus Annus, Caritas in Veritate e Laudato si’. Il numero 16 di quest’ultimo documento, in particolare, contiene gli assi portanti dell’enciclica ma allo stesso tempo quelli di “un’ecologia integrale che riguarda anche la finanza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *