Germania: la cattedrale di Trier svelata ai non vedenti

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Ascoltare il duomo di Trier è bellissimo e si sente bene”: con queste parole soddisfatte Dominik Schubert, pellegrino cieco in visita alla cattedrale della antica Treviri romana, sintetizza il successo che stanno riscuotendo le visite guidate per non vedenti organizzate dall’associazione “La Porta Nigra”, che nella città costantiniana è il punto di riferimento culturale e associativo per chi ha gravi problemi di vista.

Helga Reising è una delle guide capitolari che gestisce le visite, caratterizzate non dalla visione estatica dei monumenti o del famoso soffitto stellato, ma dai suoni, dalla possibilità di toccare le statue, i fregi, o semplicemente ascoltare le descrizioni. I gruppi ascoltano con attenzione cogliendo anche i riverberi e i suoni della cattedrale. Helga Reising ha studiato le tecniche dal responsabile cieco dell’“ufficio dei media per non vedenti e ipovedenti” della diocesi di Trier, Martin Ludwig: “Noi guide turistiche, siamo state condotte come ciechi dentro al cattedrale. Ed è stata una buona scuola”, dice Reising, che con indicazioni come “Ora sei su un piatto di bronzo; ecco una foglia di acanto di marmo”, accompagna i pellegrini, facendo loro sentire le emozioni del marmo, dell’avorio, del legno e il suono possente dell’organo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *