Verso Firenze… possibili percorsi diocesani!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

pecoreDi Don Gianni Croci

DIOCESI – Nella post-modernità, mentre si parla di post-umano e addirittura del rischio  della scomparsa dell’uomo così come lo conosciamo ora, la chiesa non può limitarsi a lanciare allarmi, ad alzare barricate ideologiche, a proporre le cose di sempre. La comunità cristiana è chiamata a dare il suo contributo, anche in questo contesto, per assicurare la crescita della persona e della società.

E’ questo il motivo per cui la Traccia del Convegno di Firenze ci invita a coinvolgerci in un lavoro corale e collegiale di ricerca e di proposta di un nuovo umanesimo in Cristo.

Spesso però corriamo il rischio di limitarci ad analisi, teorie e procedure astratte, mentre  è importante non perdere di vista la concretezza. Così incoraggeremo tutte quelle esperienze che fioriscono nelle nostre comunità, come risposte adeguate ai bisogni reali della gente, e come accoglienza generosa delle diverse situazioni.

E’ importante poi,  tener conto di un umanesimo plurale, sapendo che la differenza non impedisce di cogliere l’unità,  fondata sull’appartenenza all’unica famiglia umana,  all’interno della quale, come ricorda la Scrittura, ognuno in qualche maniera è custode del fratello e della sua crescita integrale.

Certamente non si può tralasciare la dimensione trascendente che caratterizza l’umanesimo cristiano.  E’ importante aprire luoghi dove nutrire lo spirito per restituire l’uomo ad una vita interiore e avviare processi con l’obiettivo, indicatoci nell’Esortazione Evangelium Gaudium, di trovare “vie nuove al cammino della Chiesa nei prossimi anni” (n.1).

Una strada percorribile, e che in più occasioni il nostro Vescovo ha sollecitato, è quella di una pastorale integrata, zonale o d’insieme, espressione di comunione e di sinodalità, così da evitare la dispersione di energie e superare la frammentazione dell’azione pastorale.

A tal proposito sono interessanti, per  la riflessione e un confronto, sei consigli per sopravvivere alle unità pastorali di Luca  Bartoli:

“Sei un operatore pastorale e da qualche tempo provi chiari segnali di stress apparentemente inspiegabili? La tua parrocchia conta pochi abitanti e si trova accanto a una comunità popolosa e tu non ci dormi la notte? Il tuo parroco, dopo trent’anni, nel tuo paese, che si trova per lo più nel Nord Italia, ha raggiunto l’età (veneranda, s’intende) della pensione e tu ti stai chiedendo che cosa sarà dopo di lui?

Sono sintomi chiari che non lasciano alcun dubbio, la diagnosi è servita: la tua parrocchia potrebbe essere inserita in una nuova unità pastorale.

Che cosa ne sarà del catechismo tradizionale, bello, pratico, è sempre uguale a se stesso da quarant’anni? E dei gruppi della parrocchia che da sempre attendono l’arrivo del parroco perché apra le porte del centro della comunità, altrimenti tutti si sta fuori. E che cosa ne sarà del decoro della chiesa, dato che le signore delle pulizie non alzano nemmeno un vaso se non è il don a ordinarlo?

Di cure miracolose, ormai l’abbiamo capito, non ne esistono. Eppure, anche se sembra impossibile, sopravvivere a uno dei più temuti, avversati e scongiurati mali dei tempi moderni si può.

Come fare? Ecco alcuni piccoli, sommessi, suggerimenti.

  1. Laici fino in fondo, anzi “fino in cima”.Se la tua parrocchia entra in unità pastorale e ora ci sono, per esempio, due sacerdoti in tre comunità, è evidente che il modo di fare il prete cambia. Le priorità vanno riviste, le agende ristrutturate, i compiti suddivisi tra sacerdoti e laici attraverso il consiglio pastorale. Ecco, finalmente è il momento di avverare la profezia di don Tonino Bello, vescovo di Molfetta-Ruvo-Terlizzi-Giovinazzo. Finalmente è il tempo di diventare laici responsabili e corresponsabili, capaci di discernere e decidere, e anche di prendere la parola a nome della comunità, senza imbarazzi, senza sentirsi supplenti dei pastori. Unità pastorale significa, gioco forza, scelte più condivise concretizzate dai laici e gestione delle strutture che piano piano passerà ai parrocchiani. Ai sacerdoti i sacramenti, le relazioni, la nobile cura delle anime.
  2. La preghiera al centro.Perché la parrocchia non diventi l’ennesima associazione di volontariato nella quale ognuno prova ad accaparrarsi un pezzetto di posto al sole, occorre intensificare la preghiera. Il senso dell’esistenza della comunità sta tutto nell’eucaristia. L’ha detto Papa Francesco qualche mese fa: senza la preghiera, l’eucaristia, la chiesa diventa una semplice ong.
  3. La vita comune dei preti. È di grande ispirazione per noi laici. “Non c’è unità pastorale se non c’è fraternità sacerdotale”, ripete spesso un anziano parroco tra i pionieri delle unità nel Nordest. Rappresenta un segno chiaro della realtà verso la quale si sta andando: un cammino condiviso, che parte dalla tradizione del territorio, ma soprattutto dalle persone, e infatti
  4. Quelli della parrocchia accanto non sono alieni. Sono persone che come noi guardano i cambiamenti in atto nella chiesa e nella realtà, che come noi hanno qualche preconcetto figlio del vicinato e del campanilismo, qualche abitudine pastorale di cui non comprendiamo immediatamente le motivazioni. Ma in fondo sono, esattamente come noi, persone che si spendono per la comunità, che donano la cosa più preziosa che hanno, il tempo, consapevoli che si tratta di un (piccolo) sacrificio che permette di crescere, come persone e come cristiani.
  5. Sperimentare la novità.L’unità pastorale rappresenta la fine del mai abbastanza vituperato “Facciamo così perché si è sempre fatto così”. I tempi cambiano, le persone si incontrano, le idee circolano e le scelte maturano. Annunciare il Vangelo non ha forme standard, anzi, pratiche lise perché infinitamente ripetute rischiano di sfibrare anche la forza del Messaggio. Apriamo le porte al vento dello Spirito, da meri esecutori si può diventare ideatori, sperimentatori. La nostalgia dei bei tempi andati non aiuta di certo a guarda, progettare, cesellare il futuro. L’importante, come al solito, è non innovare solo per il gusto di farlo.
  6. Sentirsi parte viva della diocesi. Quale vantaggio può portare starsi a scervellare sul perché il vescovo abbia deciso di unire ad altre proprio la nostra parrocchia? Le motivazioni a volte sono evidenti a volte meno. Le stesse condizioni con cui un nuovo organismo come l’unità pastorale viene introdotto non sono ottimali. Ma sentirsi i derelitti, l’ultima ruota del carro della situazione non ha senso. Ogni nuova unità ha la possibilità di diventare centro propulsivo, motore aggregante, laboratorio pastorale dove vengono sintetizzate le buone pratiche del futuro, gli stili capaci di sdoganare dal Vaticano la chiesa di papa Francesco.

Si tratta di prescrizioni singolari per una ricetta medica, non c’è dubbio. Ma forse è anche il caso di chiedersi se l’avvento di una nuova unità pastorale sia davvero un male… Rinnoviamo quindi la pratica della virtù teologale della speranza è guardiamo al futuro con ottimismo. È il tempo del ritorno all’essenziale: cambiare i modi, allargare il giro delle persone, imparare preghiere nuove non può che renderci cristiani migliori”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *