Edio Costantini “Lo sport educativo è quello che mette al centro la persona a differenza dello sport commercio che mette al centro lo spettacolo”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
Edio
 di Vincenzo Pastore
Quando ci mettiamo comodi sul divano davanti a un televisore per assistere a una partita di calcio, di basket o a qualsiasi altro evento sportivo, concentriamo con ogni probabilità la nostra attenzione sugli atleti in quanto interpreti della disciplina, e non in quanto uomini.
Lo stesso accade quando assistiamo direttamente a una gara in uno stadio o in un palazzetto.
Ma dietro un calciatore, un cestista o un pilota si nascondono un uomo e una donna con i loro sacrifici, le loro speranze, i propri talenti e limiti annessi.
E soprattutto con il proprio sistema di valori, trasmessi in famiglia o dagli educatori della loro crescita.
Lo sport come sintesi della vita, con l’uomo in primo piano rispetto all’atleta.
Se ne occupa il volume “Uno sport per l’uomo aperto all’assoluto”, (Ed. Ave 2013), di Edio Costantini, con la prefazione di monsignor Mariano Crociata, segretario generale della Cei. “Una scuola di fede e speranza, di vita e palestra di vita cristiana, perché insegna coerentemente e concretamente che cosa significhi perseveranza, determinazione fiducia” è la definizione di sport di monsignor Crociata.
 
La scuola di pensiero e di ricerca sullo sport. Il libro racchiude gli esiti dei primi due anni di lavoro della scuola di pensiero e di ricerca sullo sport, promossa dall’Ufficio nazionale per la pastorale del turismo, tempo libero e sport della Cei, in collaborazione con la sezione Chiesa e sport del Pontificio Consiglio per i laici e del Pontificio Consiglio della cultura. “Riaffermare la scelta educativa come dimensione prioritaria dell’attività sportiva; cioè, ritenere che, attraverso l’esperienza sportiva, si possa ricostruire l’humanum nella sua interezza”, è tra gli obiettivi della Scuola di pensiero ribadito, nella prefazione del testo, da monsignor Mario Lusek, direttore dell’Ufficio Cei per la pastorale del tempo libero, turismo e sport.
Nuovo modello di cultura sportiva. Il libro di Costantini si muove lungo una direttrice ben precisa: il risveglio delle coscienze delle associazioni e dei giovani a un nuovo modello di cultura sportiva basato su due principi ispiratori, l’educazione e la cultura. “Lo sport educativo è quello che mette al centro la persona a differenza dello sport commercio che mette al centro lo spettacolo e dello sport dei trofei che guarda soltanto alla vittoria”, evidenzia Costantini, richiamandosi al magistero della Chiesa. Una Chiesa che ha sempre avuto un occhio di riguardo nei confronti di questo ambito della vita, soprattutto nel Novecento.
Lo dimostra la grande passione per l’attività fisica dello sportivo Karol Wojtyla, per il quale “lo sport è gioia di vivere, gioco, festa, e come tale va valorizzato e forse riscattato, oggi, dagli eccessi del tecnicismo e del professionismo”, come disse nel 1984.
Lo dimostra il ruolo determinante per la crescita e l’educazione dei ragazzi svolto dagli oratori parrocchiali, soprattutto nelle situazioni più disagiate. Rimettere al centro il primato della persona umana è la mission di Costantini che nel libro illustra le “cinque azioni che delineano il processo educativo tramite l’esperienza sportiva”.
Accogliere, innanzitutto, “sé stessi e gli altri”, in una prospettiva basata sulla gratuità dell’incontro verso il prossimo.
Poi orientare, “educando alle scelte”. Allenare, “alla pazienza e alla perseveranza, a saper vincere e a saper perdere”. Accompagnare, ovvero “quella vicinanza che è propria dell’amore”, per usare le parole di Benedetto XVI. Infine, dare speranza, “quella forza spirituale in costante tensione verso l’Assoluto”.
Società industriale e cultura di massa. Ma lo sport è anche cultura, “e non un bene culturale soggetto alle regole del mercato”, come tiene a precisare monsignor Melchor Sanchez, sottosegretario del Pontificio Consiglio della cultura. Secondo Costantini, lo sport “rappresenta un prodotto caratteristico della società industriale moderna, un aspetto fondamentale della cosiddetta cultura di massa”. Come direbbe il massmediologo Marshall McLuhan, “le visioni e le esperienze sociali di una generazione si possono trovare codificate nello sport. Vedete come gioca una generazione oggi e forse vi troverete il codice della sua cultura”. Educazione e cultura da una parte, doping e scommesse dall’altra: bisogna decidere oggi “in che squadra giocare”, per usare le parole di Papa Francesco. Perché “accanto a uno sport che aiuta la persona ve n’è un altro che la danneggia”, disse Giovanni Paolo II nel Giubileo del 2000.
“Una grande lezione, una continua e meravigliosa palestra di valori”, dice dello sport uno dei campioni più grandi, dentro e fuori dal campo, Alessandro Del Piero. Il libro di Costantini spegne per un attimo la tv e ci porta proprio all’interno di questa palestra.

One thought on “Edio Costantini “Lo sport educativo è quello che mette al centro la persona a differenza dello sport commercio che mette al centro lo spettacolo”

  • 21 ottobre 2013 at 15:23
    Permalink

    Vorrei approfittare dell’Articolo per la presentazione del volume “Uno sport per l’uomo aperto all’assoluto”, (Ed. Ave 2013), di Edio Costantini, per comunicare che la Scuola di Pensiero da un anno è approdata in regione a cura dell’”Ufficio per la pastorale del tempo libero, turismo e sport” della Conferenza Episcopale Marchigiana.

    COMUNICATO STAMPA

    Scuola di Pensiero delle Marche: Uno sport per l’uomo aperto all’Assoluto
    La Scuola di Pensiero promossa dalla C.E.I. (Ufficio per la pastorale del tempo libero, turismo e sport) e dalla C.E.M. (Commissione Regionale per la Pastorale del Tempo libero, Turismo e Sport) riprende il suo cammino con una nuova sfida.
    “Dallo sport come bene educativo e bene sociale, allo sport come rivelazione all’uomo del volto di Dio”.
    Una ricerca interiore per comprendere il percorso dello sport da bene educativo a bene culturale e spirituale. “Una fede che non diventa cultura è una fede non compiutamente accolta, non interamente pensata, non fedelmente vissuta”. (Giovanni Paolo II – Al movimento ecclesiale di impegno cristiano – 16.01.1982).
    Il Concilio Vaticano II colloca lo sport nel settore della cultura, in quell’ambito in cui si evidenzia la capacità interpretativa della vita, della persona e delle relazioni. Una cultura dello sport fondata sul primato della persona umana perché l’attività sportiva “affini lo spirito dell’uomo, consenta alla comunità umana di arricchirsi con la reciproca conoscenza, aiuti a mantenere l’equilibrio dello sport, favorisca lo stabilirsi delle fraterne relazioni fra gli uomini di tutte le condizioni, di tutte le nazioni o stirpi diverse”. (Gaudium et spes).
    Lo sport può essere considerato un’opportunità di incontro per tutti (credenti e non credenti) che non segnala limiti o zone interdette.
    La Scuola di Pensiero delle Marche si inserisce nel cammino in vista del 2° Convegno Ecclesiale delle Marche. A questo percorso di formazione hanno dato la loro adesione alcune diocesi delle Marche e alcune associazioni e enti (Azione Cattolica Marche, Centro Sportivo Italiano, US Acli, Forum degli Oratori delle Marche e Pastorale Giovanile regionale).
    Gli incontri si svolgeranno presso il Centro Giovanni Paolo II – Montorso – Loreto dalle ore 19.00 alle ore 23.00 con cadenza mensile secondo il seguente calendario: mercoledì 16 ottobre 2013 – mercoledì 13 novembre 2013 – mercoledì 11 dicembre 2013 – mercoledì 15 gennaio 2014.
    Nutrito l’elenco dei relatori illustri per questa nuova stagione. Nel primo incontro le relazione di S.E. Mons. Edoardo Menichelli Vescovo delegato dalla CEM per la Pastorale del Tempo libero, Turismo e Sport, di Padre Lauret Mazas Diretto esecutivo del Cortile dei Gentili promosso dal Pontifico Consiglio della Cultura e di Mons. Mario Lusek Direttore Nazionale dell’Ufficio CEI per la Pastorale del Tempo Libero, Turismo e Sport.
    L’invito a partecipare alla Scuola di Pensiero è dunque un invito a vivere questa esperienza di fede nelle cose della vita e quindi anche nella pratica sportiva, illuminando della luce di Dio il proprio ed altrui cammino.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *