Visita istituzionale nelle Marche del ministro del turismo russo Alexandr Radkov

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

REGIONE MARCHE – “Le Marche hanno un potenziale enorme per accogliere il turismo dalla Russia. Possono offrire pacchetti di prodotti molto interessanti, altamente richiesti dal mercato russo”. Lo ha affermato il ministro del Turismo, russo, Alexander Radkov, nel corso della visita istituzionale nella nostra regione, iniziata oggi a San Benedetto del Tronto, nell’ambito delle iniziative collegate all’Anno incrociato del turismo con la Federazione russa 2013-2014.
L’Ambasciata italiana a Mosca ha affidato alle Marche il compito di inaugurare, il prossimo ottobre a Mosca, l’evento. Per questa importante scadenza la Regione Marche ha definito un progetto “a impatto multiplo”: promozione turistica e attrazione degli investimenti anche tramite road show; proposte culturali e eventi promo commerciali per il settore alimentare e del vino; comunicazione e pubblicità. Con l’idea di fondo che le Marche sono un territorio da vivere e gustare, dove fare business è facile e conveniente, dove vacanza e lavoro trovano un ambiente adatto e proficuo. La visita istituzionale del ministro Alexander Radkov nelle Marche, accompagnato dalla presidente della rappresentanza commerciale dell’Ambasciata russa in Italia, Natela Schenghelija, “dimostra – ha affermato il presidente della Regione, Gian Mario Spacca –  quanto siano stretti i legami di amicizia e di collaborazione tra la Federazione Russa e la Regione Marche”. Il ministro si fermerà due giorni nelle Marche. Oggi, dopo San Benedetto, le tappe ad Ascoli Piceno e Macerata.
A San Benedetto ha incontrato gli operatori turistici regionali e rappresentanti istituzionali: “Una tappa importante – ha sottolineato il presidente – per pianificare le iniziative che la Regione Marche metterà in campo il prossimo anno, in continuità con i lavori della task force italo-russa sui distretti industriali e le Piccole e medie imprese dell’ottobre 2012 e con l’evento di promozione turistica dello scorso marzo”.
Con le iniziative legate all’Anno del turismo russo in Italia, ha detto Spacca, “ci aspettiamo un incremento ulteriore di turisti russi nella nostra regione, maggiore di quello che abbiamo avuto sia nel 2012 (+12%) che nel 2013 (stiamo registrando un +15%). Per conseguire questo risultato è necessario un incremento dei voli, perché rappresenta l’unico strumento per far arrivare turisti russi o di altri paesi lontani che oggi sono in fortissima crescita nella nostra regione. È un tema che stiamo affrontando, pur nelle difficoltà di investimento che si registrano in Italia e anche nelle Marche.
Un’altra questione da affrontare è quella di velocizzare il rilascio dei visti. La stiamo risolvendo con l’Enit e con la nostra ambasciata. Alle Regioni è stato chiesto di offrire il proprio personale per agevolare i tempi di rilascio dei visti”. Il turista russo, ha ricordato Spacca, “viene definito un big spender. Va curato con un particolare attenzione. È più attento all’integrazione dei diversi aspetti del turismo, guarda alle diverse possibilità che un territorio offre (mare, montagna, cultura, ambiente). Noi abbiamo un turismo plurale fatto di tanti elementi. Credo che le Marche siano particolarmente adatte ad attrarre la presenza dei turisti russi”. Il ministro Radkov ha indicato alcune linee da seguire.
“È importante volgere l’attenzione verso le citta russe che hanno aeroporti internazionali, dove è più facile organizzare voli diretti. Inoltre è fondamentale appoggiarsi sui tour operator. Il 50% dei russi ricorre a essi per organizzare i propri viaggi. Molti, però, sono tour operator di se stessi: programmano e ricercano opportunità sulla rete. Di conseguenza le strutture ricettive italiane interessate a essere presenti sul mercato russo devono risultare raggiungibili on line attraverso i motori di ricerca”.All’incontro di San Benedetto del Tronto ha partecipato la vicepresidente dell’Assemblea legislativa Rosalba Ortenzi, che ha descritto le Marche come “un territorio capace di intercettare emozioni che il turista russo sa apprezzare”.
Lo scorso marzo a Mosca, in occasione della M.I.T.T. (Fiera Internazionale del Turismo di Mosca, una delle cinque più grandi fiere del turismo del mondo e la più grande della Federazione Russa), le Marche hanno organizzato una serie di eventi che hanno consentito non solo di incontrare moltissimi operatori turistici russi, ma anche di promuovere il volo aereo Mosca-Ancona: un’iniziativa, quest’ultima, che dimostra il particolare interesse della Regione Marche per questo mercato dalle grandi potenzialità. È stato in quella occasione che la Regione Marche ha ricevuto direttamente dall’ambasciatore Antonio Zanardi Landi, l’onore di aprire a Mosca le celebrazioni dell’anno del turismo il prossimo mese di ottobre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *