GROTTAMMARE – Sarà l’impresa picena Edilstella di Monsampolo del Tronto a realizzare il primo edificio comunale destinato ad accogliere un asilo nido: una struttura da 50 posti, del valore di 1.267.200 €, che sorgerà all’interno dell’ampia area a verde pubblico e sportivo situata tra la statale Adriatica e via Salvo D’Acquisto, nel quartiere Ischia.
L’aggiudicazione dei lavori in via definitiva risale a metà febbraio. La scorsa settimana è avvenuta la firma del contratto tra il Comune e l’impresa appaltatrice.

Già avviati i lavori dell’opera, finanziata per la sua totalità con risorse del Pnrr, nell’ambito dei fondi europei Next Generation EU (Missione 4. Istruzione e ricerca. Componente 1 Potenziamento dell’offerta dei servizi di istruzione: dagli asili nido all’università. Investimento 1.1 Piano per asili nido e scuole dell’infanzia e servizi di educazione e cura per la prima infanzia).

Il lotto indicato per la realizzazione del nuovo centro per l’infanzia misura 1500 mq di superficie. In tale area sono presenti quasi tutti i servizi e le infrastrutturazioni del quartiere (parchi, impianti sportivi, scuole, attività commerciali, teatro) con ampia possibilità di connessione col resto della città e dotazione di parcheggi e reti infrastrutturali.
La progettazione è firmata da una equipe di tecnici coordinati dall’architetto Domenico Sfirro: prevede la realizzazione di un edificio ad un solo livello con una forte integrazione fra spazi interni e di questi con l’esterno.

La superficie complessiva è stata dimensionata per ospitare 50 bambini, dai 3 ai 36 mesi: 42 divezzi, divisi in tre sezioni, e una sezione per 8 lattanti.
La superficie lorda interna è di 515 mq (414 netta), gli spazi netti destinati ai bambini misurano 352 mq, nel pieno rispetto della normativa di riferimento che prevede 7mq per bambino (Lr nr. 9/2003), 138 mq sono per gli spazi comuni e l’atrio, il resto per locali tecnici e di servizio.
Particolarmente ampia la superficie per gli spazi esterni didattici e ludici misura 915 mq, pari a 18,3 mq/bambino (la normativa ne prevede 6).
Nel progetto sono stati utilizzati i criteri contenuti nel recente D.M. della Transizione ecologica del 22 giugno 2022, con particolare riferimento, data la tipologia dell’opera, al risparmio idrico ed energetico, all’illuminazione naturale e ventilazione meccanica ed alla riduzione di concentrazione di radon nell’edificio.

“Con la realizzazione di questa opera, intendiamo dare una risposta concreta a un bisogno crescente delle famiglie – afferma l’assessore ai Lavori pubblici, Manolo Olivieri -. Insieme alle altre opere in corso, sempre dedicate ai bambini, rappresenta una delle progettazioni più importanti che realizzeremo in questo mandato”.

Entra a far parte della Community de L'Ancora (clicca qui) attraverso la quale potrai ricevere le notizie più importanti ed essere aggiornati, in tempo reale, sui prossimi appuntamenti che ti aspettano in Diocesi.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *