COLONNELLA – Colonnella ha un nuovo Sindaco dei Ragazzi: si tratta di Federico Di Bonaventura, frequentante la classe 3°A della Scuola Secondaria di I Grado.
Nell’ambito del progetto di legalità ed educazione alla politica, che l’Istituto Comprensivo Corropoli – Colonnella – Controguerra realizza ormai da più di un ventennio, gli studenti del plesso di Colonnella sono stati chiamati a votare un loro rappresentante lunedì 4 dicembre. Ad avere la meglio tra i due candidati è stato il giovane Di Bonaventura che ha indossato la fascia tricolore alla presenza della Dirigente Scolastica Stefania Nardini, del Sindaco di Colonnella Biagio Massi, della Vicesindaca Mirella Pontuti e delle docenti Flavia Natali, referente del progetto, e Anna Rapposelli, fiduciaria di plesso. Davanti ad una rappresentanza dei suoi compagni di classe, insieme con gli altri membri eletti, il Baby Sindaco ha illustrato brevemente il programma per la comunità scolastica presentato dalla lista elettorale che l’ha portato alla vittoria e che si chiama “Generazione Z – Studenti Attivi dalla A alla Z”.
Il progetto, curato della prof. ssa Flavia Natali e destinato agli alunni della classe quinta della Scuola Primaria e a tutti gli studenti della Scuola Secondaria di I grado, promuove la partecipazione dei bambini e dei preadolescenti alla vita della comunità locale, coinvolgendo la scuola ed il territorio, la prima intesa come luogo di istruzione e di promozione del benessere ed il secondo inteso come contesto culturale in cui il ragazzo si forma e cresce. L’obiettivo del progetto non è solo quello di far acquisire agli studenti alcune conoscenze teoriche di cittadinanza, ma anche di far loro sperimentare azioni di cittadinanza attiva attraverso la cultura del ‘fare’ e l’accoglienza della diversità, in un’ottica di integrazione e di inclusione.

Grande l’emozione del giovanissimo Federico il quale dichiara: “Sinceramente sono stato incerto se candidarmi o meno; alla fine, però, ho deciso di partecipare per mettermi in gioco. E il risultato è stato una vera sorpresa, quindi la gioia è stata immensa, anche perché inaspettata. L’esperienza è stata molto bella, non solo per la vittoria, ma anche per tutto il percorso che abbiamo fatto prima delle elezioni. Ogni iniziativa è stata condivisa con i miei compagni: con alcuni ho pensato e creato il logo della nostra lista, con altri ho stilato il programma, con altri ancora ho fatto la campagna elettorale. Tutte queste attività mi hanno fatto avvicinare a persone che conoscevo poco e mi hanno fatto incontrare persone nuove con le quali ho instaurato una bella collaborazione e – spero in futuro – una bella amicizia. Con tutti loro e insieme agli eletti, mi impegnerò a portare avanti i progetti che abbiamo inserito nel programma elettorale che prevede tre obiettivi da raggiungere: diventare migliori come studenti, come ragazzi e come cittadini. Tra i vari punti del programma, voglio sottolineare alcuni progetti che ritengo molto importanti: le passeggiate guidate durante le quali noi studenti della Secondaria presenteremo agli alunni della Primaria monumenti o luoghi di interesse presenti nel nostro Comune, così da valorizzare e tutelare il patrimonio storico e artistico, come sancito dall’art. 9 della Costituzione Italiana; l’approfondimento di alcune tematiche del passato recente, attraverso la lettura delle fonti e l’ascolto di testimoni diretti, che ci porterà a realizzare un album/archivio che riporterà i dati dei protagonisti della nostra storia locale (ad es. emigrati/immigrati; deportati Seconda Guerra Mondiale, …); le iniziative di aiuto concreto verso la nostra comunità con le quali sosterremo alcuni progetti già esistenti che fanno riferimento ad associazioni locali, come ad es. quelle che si occupano di malattie come la fibrosi cistica o l’autismo, così da aiutare alcuni nostri amici studenti che vivono situazioni di questo genere; un laboratorio di fumetto in tre ricorrenze importanti, come ad es. il 22 Aprile (G. Terra), il 25 Novembre (G. contro Violenza Donne), il 27 Gennaio (G. Memoria), con una relativa mostra a fine anno; infine varie attività di cinema, teatro e video editing.
È la prima volta che vengo intervistato e vorrei quindi cogliere l’occasione per dire grazie a tutte le persone che mi sono state vicino: tutti coloro che mi hanno votato e mi hanno riservato la loro fiducia; i compagni che mi hanno dato la disponibilità a candidarsi nella mia lista; tutti i professori che mi hanno incoraggiato, tra i quali ricordo anche la prof.ssa Colomba Mazza, che negli anni precedenti mi ha fatto scoprire questo progetto e mi ha coinvolto in maniera attiva in questa esperienza. Un ringraziamento particolare va alla prof.ssa Flavia Natali, che ha creduto in me più di quanto lo facessi io, mi ha trasmesso sicurezza e coraggio e, con i suoi consigli e la sua pazienza, ha fatto lavorare tutta la squadra in un clima di tranquillità e serenità. Infine un grazie speciale va anche alla mia famiglia che mi ha sostenuto fin dall’inizio”.

Ecco dunque come risulta composto il Consiglio Comunale dei Ragazzi.
Sindaco: Federico Di Bonaventura;
Consiglieri di Maggioranza: Flavio D’Ascanio, Matilda D’Emidio, Anita Di Cristofaro, Riccardo Di Sabatino, Leonardo Funaro, Nicolò Olivieri, Carlotta Ricci;
Consiglieri di Minoranza: Maria Reviezzo, Amelia D’Ascanio, Elia Marconi, Emma Massi, Diego Ricci;
Membri della Primaria che sono entrati di diritto in Consiglio: Diego Cipolloni e Leonardo Luciani.

Parole di soddisfazione e gratitudine sono state espresse dalla prof.ssa Flavia Natali: “A conclusione della parte centrale del progetto Sindaco dei Ragazzi, fino allo scorso anno scolastico condotto impeccabilmente e sempre con grande entusiasmo dalla Prof.ssa Colomba Mazza, posso affermare di essere soddisfatta di come i ragazzi coinvolti abbiano svolto le fasi della progettazione e della campagna elettorale: essi hanno creato relazioni di collaborazione a partire dai problemi reali da affrontare, sviluppando una coscienza critica e apprendendo diversi punti di vista per trovare insieme le soluzioni. In questa fase gli studenti acquisiscono i concetti di cittadinanza, diritto e dovere, responsabilità, identità e cooperazione, attraverso un’attiva sperimentazione degli stessi. Il progetto, inoltre, favorisce l’empatia, l’inclusione, risolve incomprensioni, portando in superficie problemi relazionali che i ragazzi, per cooperare, devono affrontare e quindi superare. La stesura dei programmi e il successivo impegno a realizzarli impone la suddivisione degli incarichi e lo svolgimento dei compiti finalizzati al raggiungimento del bene comune, favorendo anche la continuità tra i due ordini di scuola. Gli alunni hanno dimostrato originalità e spirito di iniziativa, si sono assunti le proprie responsabilità, si sono misurati con le novità e gli imprevisti, ma sempre con grande rispetto reciproco. Per questi bellissimi risultati già raggiunti e per le successive fasi, che vedranno il Consiglio dei Ragazzi all’opera per attuare i propri obiettivi, ringrazio tutti gli attori, studenti, autorità e colleghi, che hanno sempre mostrato disponibilità e impegno nella realizzazione di questo importante e storico progetto dell’istituto“.

Al giovane e brillante Federico Di Bonaventura, agli alunni eletti e a tutti coloro che hanno contribuito al raggiungimento di questo primo risultato, vanno i migliori auguri di buon lavoro da parte di tutta la redazione de L’Ancora.

 

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *