ACLI informa: Reddito di Cittadinanza: la sospensione non è per tutti

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Rubrica ACLI informa

DIOCESI – “Acli Informa“, due volte al mese, è lo spazio dedicato alle novità e agli approfondimenti dei servizi che Caf e Patronato Acli svolgono al servizio del cittadino.

Che il Reddito di Cittadinanza nel 2023 fosse destinato a durare solo sette mesi era cosa risaputa. Eppure è bastato un “semplice” sms a scatenare il caos. Da un punto di vista normativo, la sospensione del sussidio per le 169mila famiglie raggiunte massivamente tra il 27 e il 28 luglio dai messaggini dell’INPS, non è una novità inaspettata.

Reddito di Cittadinanza: nel 2023 solo 7 mensilità.
Nella prima Legge di Bilancio dell’era meloniana, approvata a fine dicembre scorso, c’era scritto già tutto: in vista del 2024, anno di debutto dell’Assegno di Inclusione, il 2023 sarebbe stato l’ultimo anno del RdC, che in linea generale, salvo i casi dei nuclei familiari con all’interno soggetti cosiddetti “fragili”, vedi minori, disabili e over 65, avrebbe appunto avuto un arco di sette mensilità, quindi in buona sostanza da gennaio a luglio compreso, salvo non averlo iniziato a ricevere più tardi di gennaio.

Reddito di Cittadinanza: a chi non verrà sospeso?
Come accennavamo, non è una sospensione in cui tutti sono coinvolti. Il sussidio 2023 proseguirà infatti con regolarità fino al 31 dicembre per i percettori della Pensione di Cittadinanza, mentre il Reddito non sarà tolto a quelle famiglie in cui figurano fra i componenti:

– minori;
– disabili;
– over 65.

Reddito di Cittadinanza: cosa fare dopo la sospensione?
Tornando invece ai nuclei per cui l’INPS ha stoppato (e stopperà) il Reddito, l’eventuale “presa in carico” dei servizi sociali di cui si parla nel messaggino, allude in pratica alla possibilità, per chi si trova in una forte condizione di disagio sociale, di essere inserito in un progetto di recupero; gli altri invece, cioè gli “occupabili”, dovranno recarsi presso i centri per l’impiego e firmare il Patto di servizio personalizzato per essere avviati al lavoro e tornare così a ricevere il sussidio mensile (per maggiori informazioni sul RdC è possibile rivolgersi alle sedi del Patronato ACLI).

Per aiuto o maggiori informazioni contatta le nostre sedi di Ascoli Piceno o San Benedetto del Tronto.

– Ascoli Piceno – Sede Provinciale
Via III Ottobre, 9 | 63100 Ascoli Piceno
0736 34 19 43 – 0736 78 08 00 – 0736 35 20 77

– San Benedetto del Tronto
Via Mercantini, 22 | 63074 San Benedetto Del Tronto (AP)
0735 78 11 94

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *