Nuovi stalli “rosa” per donne in dolce attesa e genitori con un bambino di età non superiore a due anni

Condividi questo articolo sui social o stampalo

MONTEPRANDONE – La Giunta comunale ha deliberato l’istituzione di nuovi stalli rosa per donne in stato di gravidanza o genitori con un bambino di età non superiore a due anni.

Nell’ottica di agevolare e sostenere la mobilità di questi utenti della strada, lo scorso anno, l’Amministrazione comunale, in via sperimentale, aveva già realizzato diversi parcheggi riconoscibili in quanto di colore rosa e contrassegnati da adeguata segnaletica verticale.

A Centobuchi si trovano in via delle Magnolie presso la Delegazione comunale, in Largo XXIV Maggio, in via dei Tigli presso il parco della Conoscenza, nel piazzale prospicente viale De Gasperi e via San Giacomo adiacente l’area dove si svolge il mercato del giovedì; mentre a Monteprandone in via Leopardi davanti al parco “Boschetto” e nel parcheggio pubblico in via del Mattatoio.

Con la recente riforma del Codice della Strada (art. 188bis), gli spazi riservati alla sosta dei veicoli al servizio delle donne in stato di gravidanza o di genitori con un bambino di età non superiore a due anni sono stati regolamentati a livello nazionale, pertanto l’Amministrazione comunale ha deciso di aggiungere ulteriori sei stalli in luoghi maggiormente frequentati da questa tipologia di utenza.

L’Ente potrà così accedere anche a fondi messi a disposizione del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile per la realizzazione di tali spazi riservati e approvare un proprio regolamento in materia.

I nuovi parcheggi rosa sorgeranno nella piazza della Parrocchia Regina Pacis dove attualmente è ospitata la scuola dell’Infanzia Maria Immacolata, nel parcheggio del Centro GiovArti in viale De Gasperi, via 2 giugno in prossimità del Poliambulatorio, nel parcheggio del supermercato Conad vicino al Parco dell’Amicizia, in via dello Sport dove è ubicato l’asilo nido comunale e a Colle Gioioso a servizio della scuola dell’Infanzia.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *