FOTO Montelparo ha onorato la Natività della Vergine Maria

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Di Giuseppe Mariucci

MONTELPARO – Ancora un fine settimana davvero esaltante, intenso e di grandi emozioni quello trascorso presso il Santuario Agreste di Santa Maria in Camurano di Montelparo!
Dopo la serata come quella trascorsa con i “Cantores” di Monaco di Baviera, veramente un grande privilegio riservato alla nostra comunità, è arrivato il momento della rievocazione delle “canestrelle”!
Ciò che da centinaia di anni si ripete si è verificato anche domenica 5 settembre in occasione della ricorrenza della 7: le offerte dei prodotti dei nostri campi alla Madonna venerata in questa che risulta essere una delle Chiese rurali più importanti ed artisticamente dotata delle nostre zone!
I bambini, con indosso sgargianti vestiti d’epoca, hanno recato alla Madonna ognuno i propri cestini pieni di ogni ben di Dio! Anche i coloratissimi e variopinti fiori di campo hanno fatto la loro figura.
E quest’anno anche persone adulte e anziane hanno voluto prendere fattivamente parte della rievocazione recando con se prodotti della terra.
Il Priore-Parroco di San Michele Arcangelo di Montelparo, padre Emanuele D’Aniello, ha raggiunto il gruppo che si era formato, con il suonatore di organetto in testa, con tutti questi bambini e i loro familiari, guidandolo verso il Santuario.
Le offerte, una volta all’interno del Santuario, sono state deposte con devozione sotto l’altare centrale. I canti della Corale Petrocchini di Montelparo, quasi tutti dedicati alla Madonna, hanno accompagnato la cerimonia.
Altra usanza, rigorosamente rispettate, è stata quella dell’offerta da parte dei “FESTAROLI DI SANTA MARIA” di un sacchetto a tutti i bambini in costume contenente pesce e patate fritte!
Il fine settimana, però, era iniziato sabato 4 settembre 2021 con una particolare ed entusiasmante serata!
Il Gruppo dei “FRAME DRUMS ITALIA”, capitanato da Paolo Rossetti (percussionista e formatore detto “Murittu”) ha offerto ai presenti, con lo spettacolo “La Notte dei Tamburi”, una grande e originale prestazione!
Di questo gruppo, che promuove e diffonde la cultura dei tamburi in ambito nazionale e internazionale, fanno parte nomi del calibro di Riccardo Tesi, Andrea Piccioni, Nando Brusco, Luca De Simone, Alessandro Darsinos, Marco Meo e, appunto, Paolo “Murittu” Rossetti!
Da qualche giorno, con lezioni con le quali preparano alcuni appassionati di questa “arte”, si trovano proprio a Montelparo presso l’hotel “La Ginestra”.
In questa indimenticabile serata il Gruppo ha voluto dedicare il concerto, con grande sensibilità e colpendo nel segno, alla comunità montelparese che, oramai da dodici anni, ospita l’evento!
Nel pomeriggio del 5 settembre 2021 abbiamo poi vissuto altri momenti di particolare emozione!
In primis la presentazione del libro del professor Filippo Cruciani, noto oculista montelparese, dal titolo “STORIA DELLA LOTTA ALLA CECITA’. L’alleanza tra oftalmologi e ciechi.”
Filippo Cruciani lo conosciamo oramai un po’ tutti!
Già Direttore Responsabile della Seconda Clinica Oculistica, UOC (Unità Operativa Complessa) Oftalmologia A di Roma. È docente nella facoltà di Medicina e ha sempre svolto un’intensa attività di ricercatore, documentata da numerose pubblicazioni scientifiche ed è componente di varie commissioni. Da quasi trenta anni, si è distinto e si è fatto apprezzare quale poeta, scrittore e commediografo. Con le sue commedie dialettali, si è imposto a livello nazionale ricevendo premi ovunque. Grazie anche alle messe in scena della compagnia teatrale, associazione culturale del suo paese “Il Murello” che le ha per anni rappresentate, ha potuto farle conoscere in tante parti d’Italia! Fu premiato, nel 2014, quale “montelparese dell’anno”! Tornando alla presentazione del libro diciamo che, edito dalla Società Oftalmologica Italiana, ospita la prefazione del Presidente della S.O.I. (Matteo Piovella) nonché del Presidente Nazionale dell’Unione Ciechi e Ipovedenti (Mario Barbuto). L’autore, nella sua introduzione, dichiara tra l’altro: “… Questo libro vuole raccontare l’affascinante storia del riscatto dei ciechi sotto ogni punto di vista: giuridico, sociale, politico, educativo, culturale. Soprattutto si propone di ripercorrere le tappe e presentare i protagonisti di un passaggio da una condizione di totale emarginazione dal contesto sociale a quella di parte attiva nei vari campi dell’agire umano, contribuendo allo sviluppo della società. …Un percorso… che nasce dall’Illuminismo, che fatica ad affermarsi all’inizio, ma si si estende a macchia d’olio in tutta Europa e nelle Americhe nel corso dell’Ottocento per affermarsi pienamente nel Novecento…. Esso riconosce come principale protagonista il cieco stesso…non solo come soggetto che rivendica i suoi diritti e il posto che gli spetta…”. Per l’occasione Filippo ha voluto ancora una volta sorprendere nel donare alla sua comunità un suo sonetto, in dialetto montelparese, questa volta dedicato alla festa: “La Festa di Santa Maria in Camurano”! Al termine di questo magico momento, è avvenuta la premiazione della ventitreesima edizione del “Chiostro d’oro” festival di Teatro dialettale che si è svolto nel mese di agosto nel centro storico di Montelparo! Qui l’ha fatta da padrona la compagnia teatrale “LA NUOVA” di Belmonte Piceno che ha ricevuto tutti i premi in concorso: Migliore Commedia, Migliore Regia (Gabriele Mancini), Miglior Attore Protagonista (Flavio Cruciani)! Bravissimi tutti, ma il più grande complimento va al suo mentore: Gabriele Mancini che della compagnia è Regista, attore e autore dei testi che da anni porta ovunque sulle scene con enorme successo!
Anche l’edizione 2021 della Festa di Santa Maria in Camurano ha quindi avuto il suo degno epilogo. Un arrivederci al prossimo anno!

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *