Austria: campagna nazionale a favore delle vittime sanitarie e sociali del Covid. Partecipano Caritas, Diakonie, Croce Rossa, Hilwerk, Samariterbund e Volkshilfe

Condividi questo articolo sui social o stampalo

00

L’Austria aiuta l’Austria” è il nome di una campagna di aiuti che ha preso il via il 7 agosto, in tutta la repubblica federale austriaca.

Presentata durante una conferenza stampa, “L’Austria aiuta l’Austria” è organizzata congiuntamente dalla televisione di Stato Orf con le 6 più importanti organizzazioni caritatevoli e di soccorso austriache: Caritas, Diakonie, Croce Rossa, Hilwerk, Samariterbund e Volkshilfe. Attraverso raccolte di fondi, materiale vario, vestiario, alimenti e progettualità sul breve periodo, la campagna si rivolgerà verso chi in Austria ha sofferto per il Covid-19 e ne ha avuto danni economici e sociali. Con il motto “Aiutaci ad aiutare”, tutte le forze del Paese dovrebbero essere mobilitate insieme per dominare la crisi generata dalla pandemia nel miglior modo possibile, ha detto il direttore generale dell’Orf Alexander Wrabetz. “Quando è davvero importante, siamo lì l’uno per l’altro in Austria, restiamo uniti, aiutiamo. Allora l’Austria aiuta l’Austria”.

“La crisi ci terrà impegnati a lungo, anche quando verrà trovato un vaccino contro il virus”, afferma Bernd Wachter, segretario generale di Caritas Austria. Nelle strutture dell’organizzazione umanitaria cattolica, da un lato, è evidente che la crisi sta rendendo ancora più poveri coloro che erano già i più poveri; e contemporaneamente sta creando una nuova povertà. “Dobbiamo impedire che la crisi sanitaria diventi sempre più sociale”, ha sottolineato Wachter. La campagna verrà supportata su tutti i media Orf con spot, jingle, annunci nelle trasmissioni, servizi giornalistici ed è corredata da diversi prodotti divulgativi stampati. Dopo la classica campagna d’avvio, durante tutto agosto si svilupperà la mobilitazione specifica delle donazioni basata su storie vere che sono state anche trasformate in spot.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *