Inflazione: Coldiretti, +4,9% prezzi ortaggi spinge uscita deflazione

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

A spingere l’uscita dalla deflazione è l’aumento del 4,9% dei prezzi dei vegetali freschi e del 2,8% della frutta su base mensile anche se nelle campagne i prezzi restano drammaticamente ben al di sotto dei costi di produzione in numerosi comparti, dal grano fino alle uova. Così la Coldiretti nel commentare i dati Istat sull’andamento della inflazione a novembre con i prezzi dei beni alimentari stabili su base annuale ma in rialzo dello 0,5% rispetto ad ottobre. Dal campo alla tavola i prezzi aumentano di 5 volte per la pasta e di addirittura 15 volte per il pane con la forbice che si è fortemente allargata quest’anno. Nelle campagne continua ad essere deflazione profonda con i prezzi crollati per raccolti e per gli allevamenti che non coprono più neanche i costi di produzione o dell’alimentazione del bestiame. Oggi gli agricoltori devono vendere quindici chili di grano per comprarsene uno di pane. Le coltivazioni subiscono la pressione delle distorsioni di filiera e dal flusso delle importazioni selvagge che fanno concorrenza sleale alla produzione nazionale anche perché vengono spacciati come Made in Italy per la mancanza di indicazione chiara sull’origine in etichetta come nel pane e nella pasta, conclude la Coldiretti. (www.dire.it)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>