Diocesi questa sera l’incontro ecumenico “Accogliamoci l’un l’altro dal timore alla fiducia”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

San Filippo NeriDi Sara De Semplicio

DIOCESI – Questa sera, venerdì 22 gennaio alle ore 21.15, presso la Parrocchia San Filippo Neri di San Benedetto del Tronto in occasione della “Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani” (18 – 25 gennaio 2016), la nostra diocesi vivrà una testimonianza sul tema: “Accogliamoci l’un l’altro dal timore alla fiducia” da parte di Silvio Daneo, laico impegnato nel campo del dialogo e dell’ecumenismo concreto, presidente di “Religions of Peace”.
Condividerà la sua esperienza vissuta in vari paesi del mondo iniziata in età molto giovane, prima del Concilio Vaticano II.

Per domenica 25 gennaio è prevista invece  una celebrazione ecumenica sempre presso la chiesa di San Filippo Neri di San Benedetto del Tronto.
Un momento importante e storico, quasi unico nel suo genere per la nostra diocesi visto che per la prima volta l’auspicio di una vera e propria celebrazione che coinvolga l’intero mondo cattolico si sta tramutando in realtà. Sono attesi, infatti, per questa domenica un pastore di una chiesa evangelica nigeriana, un pastore della chiesa evangelica battista delle Marche, un sacerdote della chiesa ortodossa romena col loro coro (da Fermo), unitamente alla presenza del nostro Vescovo Mons. Carlo Bresciani.

La liturgia sarà animata dal Movimento del Rinnovamento nello Spirito Santo della diocesi e per l’occasione è stato preparato dall’Ufficio per l’Ecumenismo diocesano un apposito libretto.

Il Vescovo Bresciani afferma: “Desideriamo entrare insieme nella preghiera di Gesù (Padre che siano tutti una cosa sola n.d.r.) ed esperimentare vie nuove di unità e di pace, perchè la causa dell’ecumenismo del sangue e dell’ecumenismo spirituale non rimangano inascoltate”

Si invitano i pastori e i fedeli ad unirsi in preghiera con un’intenzione comune…l’augurio e la speranza, che per impulso dello Spirito Santo, si possano compiere importanti passi verso l’unità, nonostante le innegabili divisioni ancora presenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *