Patrignone rivive ogni anno una giornata di festa intorno alla Chiesa dedicata alla Madonna delle Grazie

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

PatrignoneDi lauretanum

MONTALTO DELLE MARCHE – Il titolo della Madonna delle Grazie, riferito a Maria, Madre di Gesù, va inteso sotto due aspetti: nel primo Maria Santissima è colei che porta a noi Fedeli la Grazia per eccellenza, cioè il suo figlio Gesù, quindi lei è a pieno titolo la “Madre della Divina Grazia”.
Inoltre Maria è la Regina di tutte le Grazie, è colei che, intercedendo per noi presso Dio (come la chiamiamo nella tradizionale preghiera della Salve Regina “Avvocata nostra”), fa sì che egli ci conceda qualsiasi grazia: nella mariologia tradizionale si ritiene che nulla Dio neghi alla Santissima Vergine. Specialmente il secondo aspetto è perciò quello che ha fatto breccia nella devozione popolare:
Maria appare come una madre amorosa che ottiene tutto ciò di cui gli uomini necessitano per l’eterna salvezza. Tale titolo nasce dall’episodio biblico delle Nozze di Cana: è Maria che invita Gesù a compiere il miracolo, e soprattutto sprona i servitori del banchetto nuziale dicendo loro: “Fate quello che vi dirà”.
La chiesa montaltese, che è un vero e proprio Santuario, della Madonna delle Grazie (detta popolarmente Madonna “Tonna”, cioè tonda) sorge in collina nella frazione di Patrignone.

Un tempo, all’incrocio delle strade, vi era una piccola edicola, eretta dai fedeli della zona scampati alla peste. L’entrata in uso del Santuario propriamente detto fu invece tra il 1450 e il 1500. L’edificio attuale è a pianta ottagonale (da qui il toponimo “Tonna”) con l’antistante portico. Le decorazioni interne sono del pittore Luigi Fontana; il portico fu invece realizzato nel 1892, come ricorda un mattone inciso che riporta tale data. Oggetto del culto mariano è l’affresco della seconda metà del XV secolo, che rappresenta la Madonna delle Grazie tra i Santi Sebastiano e Amico; opera attribuita a Fra Marino Angeli. Come già da qualche anno l’Associazione Giovanile Montaltese “MyClan”, in collaborazione con la Parrocchia di Santa Maria in Viminato di Patrignone e il suo Parroco don Lorenzo Bruni, ha organizzato la Festa della “Madonna Tonna”.

Ecco il programma della giornata di Domenica 6 settembre u. s.: alle ore 11:15 nei pressi della stessa chiesa (purtroppo chiusa ufficialmente al culto per via dei danni subiti dagli ultimi fenomeni di terremoto) è stata celebrata la Santa Messa parrocchiale da Padre Alfredo Botticelli, già Amministratore parrocchiale della Comunità cristiana patrignonese fino a meno di un anno fa. A seguire è stato organizzato il pranzo conviviale, negli spazi attorno alla chiesa, con giochi tradizionali e la consueta gara di briscola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *