FOTO “Passio” Acquaviva Picena, ambientazione suggestiva e grande interpretazione degli attori

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ACQUAVIVA PICENA – Durante la serata di sabato, 11 aprile, si è tenuta nel centro storico di Acquaviva Picena la “Passio”, la sacra rappresentazione prevista per il 28 marzo e rimandata per motivi tecnici e organizzativi. Grande soddisfazione per il successo e la partecipazione da parte delle associazioni organizzatrici: Palio del Duca, Laboratorio Terraviva e l’associazione teatrale A-6A.

La regia del presidente dell’associazione Laboratorio Terraviva, Filippo Gaetani, basata sul racconto del Vangelo secondo Matteo, ha guidato gli attori lungo il percorso della Passio che ha preso il via dal commento introduttivo del parroco don Alfredo a cui è seguita la prima scena, quella dell’ultima cena ambientata nella piazza del colle, cioè piazza Mariano Vulpiani. Dopo l’ultima cena, l’arresto di Gesù nell’orto degli ulivi e quindi in piazza San Niccolò il Sinedrio, con i sacerdoti, i soldati e Pilato. La Passio si è poi snodata tra le vie del centro storico per arrivare in piazza del Forte; lungo il percorso ci sono stati gli incontri con Simone il Cireneo, le pie donne e la Veronica. Nella piazza, sotto la maestosa Fortezza acquavivana, le ultime scene: la crocifissione, l’incontro di Maria di Màgdala e l’altra Maria con l’angelo e infine l’incontro del risorto con gli apostoli, con Gesù che scende dalla suggestiva scalinata della Fortezza per andare incontro agli apostoli increduli dopo che Maria di Màgdala aveva portato loro la lieta notizia.

Alla rappresentazione era presente il Vescovo emerito Gestori che ha potuto apprezzare le vie del centro storico sotto una nuova veste, con le luci cittadine spente per dar modo ad una serie di luci disposte ad hoc di creare l’atmosfera adatta, con i costumi dell’associazione Palio del Duca che sono stati adattati allo stile dell’epoca e, soprattutto, con gli attori, che si sono distinti per la bravura nell’interpretazione dei ruoli; menzione particolare va a Massimiliano Civita, che ha saputo rendere, con grande espressività, la sofferenza e la forza d’animo del Cristo, calandosi completamente nel ruolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *