Conosciamo meglio il progetto “Co-educare ad essere sé” in cui è coinvolta anche la Diocesi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

San Filippo Neri 4

DIOCESI – È da poco avviata l’iniziativa denominata “Co-educare ad essere sé” promossa dalla Cooperativa Sociale La Gemma Onlus e realizzata insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno.
Leggi l’articolo “Co-educare ad essere sé”: Occorre dar voce ai giovani, perché portatori di speranza…

Co-educare ad essere Sé” intende realizzare azione integrate di potenziamento della rete di agenzie educative e attivare interventi qualificati e innovativi a favore dei nuovi bisogni degli adolescenti.

In particolare si prevedono i seguenti obiettivi e le seguenti azioni:

  1. Fornire agli insegnanti strumenti per l’attuazione di strategie efficaci di inclusione degli alunni con bisogni educativi speciali (BES)
  2. Supportare le famiglie socialmente deboli, al fine di fornire materiale per far fronte in modo adeguato alla specificità dei bisogni educativi e didattici dei bambini/ragazzi
  3. Potenziare la rete dei servizi territoriali rivolti agli adolescenti nel Comune di Grottammare, di San Benedetto del Tronto e della Diocesi di San Benedetto-Ripatransone-Montalto, attraverso la programmazione e il coordinamento di attività e di strategie d’intervento innovative e condivise. In particolare agire al fine di offrire luoghi in grado di rispondere in modo efficace alla specificità dei bisogni dei ragazzi
  4. Far emergere le passioni, per sviluppare la motivazione alla conoscenza e all’apprendimento attraverso il riconoscimento da parte dell’adolescente dei propri talenti e delle proprie attitudini
  5. Acquisire conoscenze da parte di educatori, catechisti, genitori, sia di tipo educativo che comunicativo, per raggiungere un’alleanza ed una progettualità condivisa, che portino ad efficaci collaborazioni
  6. Sensibilizzare gli adolescenti su aspetti che negli ultimi anni si sono rilevati particolarmente critici, legati ai rischi connessi all’abuso delle nuove tecnologie e dei social media, alle emozioni, alle relazioni affettive e alla sessualità.

Le azioni principali del progetto prevedono: formazione dei docenti; realizzazione di diagnosi cliniche sulle difficoltà di apprendimento, per famiglie in difficoltà; potenziamento educativo-didattico pomeridiano; attivazione centro polifunzionale per i giovani; laboratori per lo sviluppo dei talenti,  laboratori per adulti; laboratori ed eventi per adolescenti.

 

Sono partner dell’iniziativa:

– Diocesi di San Benedetto-Ripatransone-Montalto

– Istituto comprensivo G. Leopradi di Grottammre

– Università degli Studi di Urbino-Dipartimento scienze dell’uomo

– Università di Tor Vergata

– Comune di Grottammare

– Cooperativa Sociale Millennium Onlus

– Sanidoc

– Comitato genitori di Grottammare

– Radio Azzurra.

 

L’impegno condiviso è quello di generare un welfare di comunità che, ponendosi in relazione con la parte pubblica, nonché con gli operatori economici che fossero interessati e disponibili, sia in grado di rispondere ai bisogni della comunità, affrontando rischi e sfide sociali e rendendo la comunità stessa partecipe e responsabile.

In questo modo si pongono le basi per un rinnovato clima di fiducia ispirato dal sentimento della condivisione e, soprattutto, dal senso di appartenenza ad una comunità che cerca al proprio interno le forze e le risorse per far fronte ai problemi ed alimentare il futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *