“Far digerire” il pesce ai bambini: alla BIT San Benedetto presenta il suo progetto

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

BIT San Benedetto del Tronto

“Far digerire” il pesce, notoriamente poco gradito ai più piccoli attraverso laboratori del gusto, momenti di gioco, visite guidate al Museo del mare che si succederanno settimanalmente per tutta l’estate 2015. E tutto questo in aderenza al tema centrale di Expo, dedicato appunto alla nutrizione. Questo è in sintesi “Sono\Sano come un pesce”, il progetto ludico – esperenziale di educazione alimentare ideato dal Comune di San Benedetto per la prossima estate e presentato oggi, presso lo stand della Regione Marche, alla Borsa Internazionale del Turismo 2015 in svolgimento a Milano.
A fare gli onori di casa l’assessore Margherita Sorge. Con lei sul palco dell’area conferenze allestita nello stand, c’erano Alessia Consorti, fiduciaria di Slow Food San Benedetto Valdaso, Manuel Pucci, ideatore e produttore di Giocalaluna e Legnogiocando, entrambi partner del progetto. Come ha spiegato l’assessore Sorge, infatti, “sono sano come un pesce” intende utilizzare il gioco, l’apprendimento, la curiosità per calamitare l’attenzione dei turisti, in particolar famiglie con bimbi, mostrando ai più grandi come sia gustoso e di alto valore nutritivo il pesce del nostro mare, come si possa prepararlo con qualche “trucco” senza spendere una fortuna, e ai piccoli com’è fatto il nostro ambiente marino e come sia buono il pesce dell’Adriatico se preparato nel modo giusto. E così si alterneranno ogni settimana tour dedicati al Museo del mare, “incontri” con i pesci nel corso dei laboratori del gusto di Slow Food, momenti di divertimento sano e consapevole con i giochi di “Legnogiocando in Mare”, all’interno delle serate di Giocalaluna.

Ospite d’onore il prof. Italo Farnetani, pediatra e giornalista che ormai da anni cura il sondaggio svolto dalla rivista “Ok Salute” tra i pediatri italiani per l’assegnazione delle bandiere verdi alle spiagge adatte ai bambini, vessillo di cui da alcuni anni si fregia anche San Benedetto. Il professore ha ricordato come, sin dalla prime ricerche, San Benedetto si sia classificata entro le prime dieci località menzionate dai pediatri ed ha illustrato una sua ricerca, condotta proprio a San Benedetto, incentrata proprio sull’alimentazione a base pesce azzurro per i più piccoli, ricordandone le importanti proprietà organolettiche e fornendo preziosi consigli sulle modalità di cottura per renderlo gradevole al palato dei bambini. Ad ascoltare i vari interventi una folta ed interessata platea.

Nel corso della mattinata, inoltre, il Comune di San Benedetto ha avuto l’opportunità di distribuire il proprio materiale promozionale utilizzando un desk dedicato all’interno dello stand regionale. “Ho percepito grande intereresse per la proposta progettuale che abbiamo presentato – ha dichiarato Sorge – questo conferma uno dei principi cardine della promozione turistica moderna, ovvero che bisogna individuare temi precisi e proporre progetti definiti con obiettivi chiari nei quali determinati segmenti di potenziale clientela possano riconoscersi. E’ evidente che il progetto “Sono\Sano come un pesce” ha queste caratteristiche e risponde ad un preciso bisogno delle famiglie italiane, e il fatto che in tanti si siano congratulati ci gratifica per il lavoro che stiamo svolgendo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *