Padre Luis con i suoi parrocchiani a Fatima, il racconto di questi giorni

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

fATIMA

Fatima 3

FATIMA – Giorni intensi per i parrocchiani di Padre Luis che oggi termineranno il loro pellegrinaggio a Fatima. Il racconto grazie al nostro collaboratore Alessio Rubicini.

Alessio “In questi giorni abbiamo potuto vivere la Via Crucis sul Camino do Pastorinos.

Lungo il percorso Valinhos, luogo dell’apparizione del 19 Agosto 1917 (il 13 i pastorelli erano in carcere e non poterono andare alla Cova de Iria), e al Loco do Cabezos, luogo della seconda apparizione dell’Angelo della Pace nell’estate 1916 quando l’Angelo diede la Comunione ai pastorelli ed insegnò loro la preghiera “Mio Dio io credo adoro spero e vi amo. Chiedo perdono x tutti coloro che non credono non adorano non sperano e non vi amano”.

Poi visita ad Aljustrel, villaggio dove nacquero e vissero i pastorelli e da dove partirono quel 13 maggio 1917 (e tutti i giorni della apparizioni) per andare alla Cova de Iria. Lì l’incontro con la nipote di Suor Lucia.

Visita del Museo della Madonna (museo Fatima Luz e Paz) con una guida che ci ha mostrato tutto l’immenso patrimonio di doni ed oggetti di devozione di qualsiasi genere ricevuto in dono negli anni dalla Madonna…

Prima fra tutti quella meravigliosa corona che le donne del Portogallo regalarono alla Madonna nel 1942 per ringraziarla del fatto che il loro Paese non entrò nella Seconda Guerra Mondiale.

Quella stessa corona nella quale 50 anni dopo è stata incastonata la pallottola che attraversò il corpo di Giovanni Paolo II il 13 maggio 1981 e che, miracolosamente, percorse una traiettoria talmente incredibile che evitò ogni suo organo vitale.

Non servirono modifiche per incastonare la pallottola pechè il foro nella corona era di 9 mm come il diametro della pallottola.

Una coincidenza? Io la chiamerei un messaggio d’amore?
La storia della Madonna di Fatima è colma di questi messaggi d’amore…

Poco prima della Seconda Guerra Mondiale il Vescovi del Portogallo consacrano la Nazione al Cuore Immacolato di Maria. Il Portogallo si salvò dalla guerra.

1984 Papa Giovanni Paolo II consacra la Russia al Cuore Immacolato di Maria e dopo pochi anni crollo del Muro di Berlino e dei Regimi Comunisti incluso quello in Russia.

Cosa vuole dirci la Madonna con questi messaggi d’amore? Io direi che essi vogliono dirci “Cari figli fidatevi di Dio. Pregatelo e credete nel mio Cuore Immacolato… Poi ci pensa Dio per voi, state tranquilli, grazie alle Vostre preghiere al mio Cuore Immacolato!”

Poi la grande fiaccolata in Cova de Iria e Santa Messa… Incredibile vedere tutte quelle centinaia e centinaia di lucine che quasi riempivano la piazza”.

Buon rientro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *