Un fine settimana da incorniciare per l’atletica sambenedettese

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTOL’Italia chiude al sesto posto la due giorni Coppa Europa di Prove Multiple , andata in scena nel weekend nell’isola portoghese di Madeira. Salvezza conquistata sul campo grazie alla straordinaria performance della sambenedettese Enrica Cipolloni (Fiamme Oro), migliore delle azzurre, che è decima, ma quel che più conta, coglie il primato personale nell’Eptathlon, collezionando, al termine delle sette prove, 5510 punti. Il miglioramento è notevole, e sfiora i 300 punti di margine rispetto ai 5223 del limite personale precedente, fissato a Novara nel 2012. Lo score è determinato da questi risultati: 14”21 (100 hs) ; 1,84 (salto in alto); 11,99 (lancio del peso); 26”47 (200 mteri); 5,67 (salto in lungo); 37,83 (lancio del giavellotto); 2’26”41 (800 metri).

Enrica, vero e proprio vanto dell’atletica rivierasca ed allenata dal Prof.Francesco Butteri, ha addirittura siglato ben 4 primati personali ( 100 hs, 200 mt, 800 mt e lancio del giavellotto ) lasciando alle sue spalle le altre atlete che hanno rappresentato l’Italia quali Carolina Bianchi (5370), Flavia Nasella (5222) e Cecilia Ricali (5107).

Il week end ha segnato un’altra grande prestazione di un atleta della Collection Atletica Sambenedettese a livello internazionale: Alessandro Gaetani, in occasione del meeting svoltosi in Svizzera presso La Chaux de Fond, ha corso i 400 metri in 47”95, crono che lo catapulta ai vertici della specialità a livello nazionale.

Infine a Modena si sono svolti i Campionati Italiani Master e gli atleti della Collection hanno conseguito un ragguardevole bottino: 1 oro ( Francesco Bruni nei 300 mteri ad ostacoli categoria MM 70 ), 1 argento ( Carlo Sebastiani, Lancio del Peso categoria MM 55 ) e 2 bronzi ( Francesco Bruni nel salto in lungo e nel salto triplo Categoria MM 70 ).

Da segnalare inoltre il quarto posto di Cesare Alesi ( salto in alto, MM50 ), il quinto posto di Massimo Romandini (1500metri, MM 45 ) ed il sesto dell’artefice del progetto della squadra Master Stefano Cavezzi ( lancio del disco,MM50) 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *