Adriatico come un’unica destinazione turistica

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

REGIONE MARCHE – Identificare l’Adriatico come un’unica destinazione turistica attraverso una forte azione di promozione culturale di sette Paesi: questo l’obiettivo di “Adristorical Lands”, storia, cultura, turismo, arte ed artigianato nell’Adriatico, un Progetto Europeo (Programma di Cooperazione transfrontaliero IPA-Adriatico), che vede insieme Albania, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Italia, Montenegro, Slovenia.

“Un progetto – dichiara il presidente della Giunta regionale, Gian Mario Spacca, con delega al Turismo – che si colloca in linea con l’impegno da tempo profuso dalla Regione per la costituzione della Macroregione Adriatico-Ionica, fondata sulla condivisione di un patrimonio storico e di un’identità culturale comune”.

Cooperare per costruire, non solo metaforicamente o graficamente come riprodotto nel logo, un ponte che unisca le sponde adriatiche dei sette Paesi, valorizzando le singole identità locali e le comuni origini e tradizioni storico artistiche. Con un valore progettuale di 3,9 milioni di Euro, il programma, che è uno dei più importanti del settore turistico finanziato con Fondi dell’Unione Europea, partendo dalla capacità di attrazione di borghi storici, città murate, castelli e siti culturali, si punta ad un riequilibrio tra aree urbane e rurali, anche con la valorizzazione delle eccellenze turistiche minori dei territori coinvolti e alla loro tutela, creando gli “Itinerari turistici dell’Adriatico” con una logica di sistema comune tra differenti Stati orientata a flussi turistici di tutto il mondo.

Sono Partner del Progetto: Regione Molise; Regione del Veneto; Associazione Città murate del Veneto; Regione Marche; Associazione Le Marche Segrete (Marche); Regione Abruzzo; Confesercenti Abruzzo; Provincia di Bari (Regione Puglia); Agenzia per lo Sviluppo della Dalmazia (Spalato e Hvar) Croazia; Agenzia per lo Sviluppo turistico della Erzegovina (Bosnia); Museo del Mare di Pirano (Slovenia); Comune di Lezha (Albania); Ministero della Cultura e dello Sport del Montenegro, Informest, Provincia di Ravenna.

In particolare la Regione Marche, ha tra gli obiettivi la valorizzazione dei circuiti “I borghi più belli d’Italia” e i paesi “Bandiera arancione”. Sempre per le attività previste nelle Marche, l’inedito itinerario denominato “Case d’Artista” (da Raffaello, a Lorenzo Lotto, Gioacchino Rossini, Giacomo Leopardi, Osvaldo Licini, fino ai contemporanei Eliseo Mattiacci e Paolo Icaro), analizzato e progettato dalla Associazione Le Marche Segrete. Inoltre tra le iniziative della Regione Marche assieme alle Marche Segrete una mostra fotografica di Sergio Ramazzotti, Renato Gatta e Ignacio Maria Coccia per i Borghi Storici e di Gianni Ummarino per Le Case d’Artista che sarà presentata nell’aprile 2013 ed a Londra nel novembre 2013 nella Europe House, sede della Comunità Europea nel distretto centrale di Westminster.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *