Terrorismo. Bertolotti (ReaCT): “Isis ancora attrattivo. Ora è un fenomeno sociale, ideologico più che religioso”

Presentazione, oggi a Roma, del primo "Rapporto sul terrorismo e il radicalismo islamico in Europa" (#ReaCT2020) di ReaCT, l’Osservatorio sul Radicalismo e il Contrasto al Terrorismo. Intervista al direttore dell’Osservatorio, Claudio Bertolotti: "Il terrorismo jihadista, da solo, è responsabile del 96% di morti per terrorismo in Europa (10 morti nel solo 2019)". Il ruolo dei foreign fighters, la mancanza di leggi ad hoc in Italia, la crescita del terrorismo di destra, sono alcuni dei temi trattati nel Rapporto

Dopo gli attentati a Londra e L’Aja. Bertolotti (Osservatorio React): “Prevenire il radicalismo per contrastare il terrorismo”

Dopo gli attacchi a Londra, L’Aja e Parigi torna l'incubo terrorismo in Europa. Dal 2014 a oggi sono 119 le azioni, portate a termine in Europa, da 159 attentatori (dei quali 57 sono deceduti) e che hanno provocato la morte di 390 persone e il ferimento di altre 2359. Intervista a Claudio Bertolotti, direttore esecutivo React e di Start InSight (Strategic Analysts and Research Team)

No tinc por: la democrazia che non si arrende al terrorismo

Alla luce degli ultimi attacchi terroristici, è sempre più difficile sentirsi al sicuro, tuttavia non possiamo lasciarci vincere dalla paura. Il saggista indiano Salman Rushdie afferma: Come si fa a sconfiggere il terrorismo? non farsi terrorizzare. Non lasciate che la paura governi la vostra vita. . La Democrazia non ha mai ceduto al terrorismo, non lo farà nemmeno questa volta.

Padre Fulco, parroco a st. Peter’s Church: “gli italiani a Londra stanno dalla parte dei londinesi”

La capitale britannica fa i conti con il terrorismo (l'ultimo grave episodio è di ieri), mentre il Paese apre i negoziati per il divorzio dall'Unione europea, con il rischio di un maggior isolamento. Ne parliamo con il religioso pallottino, parroco della "chiesa degli italiani", a Clerkenwell, non lontano dal cuore della metropoli

Iran: dai pulpiti delle moschee risuoni un messaggio di pace

Perché colpire Teheran? "Per il ruolo strategico che l'Iran svolge nella regione e per la lotta al terrorismo. E' stato scritto che in Medio Oriente sta prendendo forma un regolamento di conti tra schieramenti contrapposti ed è a questo scontro che bisogna guardare se si vuole comprendere quali dinamiche rischiano di infiammare ancora di più tutta la regione". Il "punto" su cosa è successo e perché in Iran, dove martedì 6 giugno un duplice attentato ha provocato la morte di 13 persone e il ferimento di 52

Doppio attacco a Teheran: fonte Sir, “troppo presto per valutazioni oggettive. Tra le possibili ipotesi avvicinamento Qatar a Iran”

errore ieri mattina a Teheran dove kamikaze si sono fatti esplodere nel Parlamento e al mausoleo di Khomeini: almeno 12 i morti, ma il bilancio potrebbe aumentare, e 39 i feriti

Bambini vittime di terrorismo. Shahrzad Houshmand (teologa musulmana): gli occhi delle donne piangono

Manchester, Inghilterra. Minya, Egitto. Il terrorismo torna a colpire e prende di mira i bambini. Ma non ci sono solo le vittime del radicalismo. Migliaia sono i bambini che muoiono soli nel Mediterraneo. Shahrzad Houshmand, teologa musulmana: "Gli occhi piangono di fronte a tanto dolore vissuto". Il ruolo della donna è fondamentale per combattere i radicalismi perché laddove falliscono le istituzioni le donne continuano ad educare alla pace. "La donna - dice Houshmand - è colei che porta la vita nel suo grembo. E’ l’elisir dell’accoglienza, della tenerezza, del perdono e della vita".

Papa Francesco: attacco in Egitto, “violento oltraggio” e “atto di odio insensato”

"Profondamente colpito dal “barbaro attacco” ai copti in Egitto che ha provocato morti e feriti, vittime di un “atto di odio insensato”.

Filippine: a Marawi gruppo legato a Isis minaccia di uccidere ostaggi in chiesa, tra cui un prete

Tra le altre devastazioni i militanti hanno dato fuoco alla cattedrale di Nostra Signora Ausiliatrice e all’episcopato e preso in ostaggio un prete, il personale della chiesa e i parrocchiani.

Attentato a Manchester. I leader religiosi: “L’oscurità del male non ci travolgerà”

Il Paese rimane “unito di fronte al male”. "L'oscurità del male non ci travolgerà". Reagiscono i leader religiosi al terribile attacco terroristico di Manchester che ha provocato la morte di 22 persone. Tra le vittime purtroppo anche bambini e adolescenti, accorsi in migliaia per partecipare al concerto di Ariana Grande. Cattolici, anglicani, musulmani ed ebrei: unanime la condanna di ogni violenza

Pagina 1 di 5