Grecia e Siria: “Abbiamo bisogno di tornare a sorridere”. La testimonianza di due giovani madri

Due storie di accoglienza nella Grecia che soffre. La crisi accomuna in un unico destino greci e migranti, in fuga da guerre e povertà. L’accoglienza non conosce lingua, etnia o religione, ma riconosce in tutti indistintamente lo stesso dolore. Nella sua grande difficoltà c’è una Grecia solidale che riesce a tendere la mano, il modo migliore per onorare la sua millenaria tradizione di Paese culla della democrazia. La storia di Popi e Fatima incontrate ad Atene

Grecia. Mons. Rossolatos (Atene): “L’Ue ci tratti da persone e non come numeri”

La crisi economica in Grecia fa sentire i suoi effetti anche sulla vita della Chiesa cattolica locale, i cui fedeli sono una esigua minoranza in mezzo alla stragrande maggioranza ortodossa. Non per questo l’arcivescovo di Atene e presidente dei vescovi cattolici greci, mons. Sebastianos Rossolatos, si nasconde: “La crisi è anche colpa dei greci, non è caduta dall’alto. Ma l’Ue – dichiara con fermezza – ci tratti da persone e non ci consideri solo dei numeri”. Gli aiuti delle Chiese europee, in testa la Cei, copriranno i bisogni fino a novembre. “Poi non sappiamo cosa accadrà”