Ripatransone, iniziano i lavori di messa in sicurezza della Chiesa di San Filippo Neri

Condividi questo articolo sui social o stampalo

RIPATRANSONE – Sono iniziate le operazioni di messa in sicurezza delle opere custodite ed esposte nella Chiesa Monumentale di San Filippo. Le operazioni, coordinate dal Dott. Moriconi della Soprintendenza ABAP Prov. AP-FM-MC diretta dall’Arch. Giovanni Issini, sono realizzate dalla squadra del comando Provinciale dei Vigili del Fuoco alla presenza dell’Ing. Vannarelli e diretta dell’Ing. Luca Verna – Comandante Provinciale.
Il sindaco Lucciarini comunica: “I progetti di messa in sicurezza per la chiesa di San Filippo, predisposti dall’ufficio Lavori Pubblici Manutenzione e Patrimonio, sono stati valutati dal Ministero dell’Interno per tramite della Prefettura di Ascoli Piceno.

Il progetto, che prevede l’intervento sia interno che esterno all’edificio, e stato approvato e finanziato con specifica copertura economica.
Pertanto provvederemo immediatamente al completamento delle procedure amministrative ed all’affidamento dei lavori per la messa in sicurezza della chiesa.
Tali procedure saranno in capo all’ufficio Lavori Pubblici del Comune, come concordato con Prefettura e Ministero, al fine di risolvere la situazione.
L’intervento previsto comporterà la messa in sicurezza della chiesa e di conseguenza la riapertura della via adiacente la stessa.
Ringrazio il Prefetto della Provincia di Ascoli Piceno, Dott. Carlo De Rogatis, per la disponibilità, collaborazione e l’impegno personale al fine dell’ottenimento della copertura finanziaria dell’intervento.
Ora subito al lavoro per sistemare e recuperare anche questa parte del nostro bellissimo centro storico.”

Le opere in buono stato di conservazione saranno custodite nel Museo Archeologico del Comune mentre quelle che necessitano di restauro saranno trasportate nel deposito attrezzato del Ministero al Forte Malatesta di Ascoli Piceno gestito dalla Soprintendenza per il recupero.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *