Cupra, CSI San Basso: oggi i festeggiamenti per i quarant’anni dalla sua fondazione

Condividi questo articolo sui social o stampalo

CUPRA MARITTIMA – Un’intera giornata di festeggiamenti quella che oggi Cupra Marittima dedica alla locale associazione del C.S.I. (Centro Sportivo Italiano) per onorare al meglio un importante anniversario: quarant’anni dalla sua fondazione.

Alle ore 10:00, presso la Sala Consiliare del Comune si svolgerà il convegno dal titolo “Il C.S.I. tra passato presente e futuro, 40 anni di storia”. In contemporanea, sotto alle logge comunali, sarà possibile visitare anche una mostra fotografica con le più belle immagini di questi anni. Dalle ore 16:00 alle ore 18:30, lungo la spiaggia del lungomare centro, bambini e ragazzi potranno dilettarsi con gonfiabili, giochi e sport. Alle ore 18:00, si svolgerà il torneo “Vecchie glorie”. La serata si concluderà con una celebrazione eucaristica alle ore 19:00 presso il campo “I Care” e, a seguire, con una cena da consumare tutti insieme presso la pizzeria Adriatica alle ore 21:00.

Queste le parole di Antonio Benigni, presidente provinciale del C.S.I.: “Io sono di San Benedetto del Tronto, ma nel lontano 1982 l’allora parroco di San Basso, don Luigino Scarponi, pensò di introdurre il C.S.I. nella sua parrocchia ed io, spinto da alcuni amici cuprensi, mi aggregai alla comitiva dei miei coetanei. Quegli anni furono meravigliosi: potevamo contare, infatti, su persone veramente motivate e molto preparate, come, ad esempio, Edio Costantini, che all’epoca era referente regionale della nostra associazione e che sarebbe poi divenuto presidente nazionale. Fu per me, quindi, un’esperienza bellissima, anche grazie al gemellaggio con un gruppo C.S.I. della Sardegna. Da allora ad oggi sono trascorsi quaranta lunghi anni. Quando una società raggiunge un traguardo così importante, non è certo dovuto al caso. Ci sono ragazzi che hanno creduto e continuano a credere che sia bello stare insieme attraverso lo sport. La cosa più difficile che, a volte ostacola le associazioni, è il mantenere un equilibrio perfetto tra continuità e ricambio: da un lato, infatti, è necessario garantire sempre la stessa qualità del servizio; dall’altro lato, però, è necessario anche cambiare le persone nel tempo e rinnovarsi. Se a Cupra siamo riusciti a persistere così a lungo vuol dire che le persone che si sono succedute negli anni hanno lavorato bene, ovvero hanno lavorato non per se stesse, bensì per la comunità. La testimonianza di quello che dico è rappresentata dal fatto che il C.S.I. sia sempre stato un punto di riferimento per il territorio cuprense. Fino a pochi anni fa, prima della pandemia, quando a Cupra si parlava di sport, si parlava di C.S.I. ed il fatto che l’attuale sindaco ed altri amministratori della città provengano dal nostro mondo associativo fa ben comprendere quanto questa realtà sia radicata nella nostra comunità ed abbia creato una certa sensibilità negli abitanti del territorio. Evidentemente aveva ragione San Filippo Neri, quando sosteneva che gli oratori, i momenti di incontro tra i ragazzi, sono un’ottima palestra di vita, un buon allenamento per diventare bravi e buoni cittadini.”

Nazario Luciani, attuale presidente del C.S.I. San Basso, conclude: “Tantissime sono le attività che negli anni il C.S.I. ha messo in campo a Cupra Marittima. Nell’ultimo biennio, la pandemia e la conseguente delocalizzazione degli oratori, non hanno certamente aiutato la nostra associazione. Nonostante la criticità del momento, però, abbiamo comunque utilizzato strumenti e messo in atto strategie che non ci facessero perdere i contatti con i ragazzi e tra di noi, come, ad esempio, i collegamenti web o gli incontri all’aperto con distanziamento. Siamo sempre stati un punto di riferimento per il territorio e vogliamo continuare ad esserlo sempre di più. Se siamo giunti a questo punto, è grazie a tutti coloro che negli anni hanno dato alla nostra associazione un contributo, sia in termini di idee, che di tempo e di denaro. Voglio perciò ringraziare tutte le persone che in questi quaranta lunghi anni, in qualche maniera, sono passati nel C.S.I., dai fondatori fino agli attuali associati. Per questioni di spazio, nomino soltanto questi ultimi: i vicepresidenti Gianluca Piersimoni e Laura Marcantoni, la segretaria Alice De Carolis, l’amministratrice Laura Realini, i consiglieri Simone Piersimoni, Matteo Della Sciucca e Simone Luciani. Grazie per la passione, l’impegno, la tenacia e la convinzione.”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *