- L'Ancora Online - http://www.ancoraonline.it -

Gli “Avvisi” di Don Vincenzo Catani presentati a Firenze

FIRENZE – Martedì 14 giugno, a Firenze, presso la sede del “Medici Archive Project”, si è tenuto un seminario di studio sui tre grossi volumi di “Avvisi” scritti durante il pontificato di papa Sisto V (1585-1590) e pubblicati da don Vincenzo Catani. Era presente a Firenze lo stesso don Vincenzo, appositamente invitato.

Gli “Avvisi” sono dei veri e propri report giornalistici, perché riportavano quanto ogni settimana accadeva a Roma, in Italia e in Europa. Si tratta di una mole enorme di fogli manoscritti conservati presso la Biblioteca Apostolica Vaticana (ma provengono dalla libreria del duca di Urbino) e che don Vincenzo ha trascritto pazientemente in dieci anni e ha edito in questo anno centenario della nascita di Sisto V. Gli Avvisi sono da considerare a tutti gli effetti i progenitori dei giornali stampati e la loro origine è da far risalire nella penisola italiana del Quattrocento, ed in particolare in città che mantennero una dimensione internazionali come Roma e Venezia. Gli avvisi urbinati (certamente la collezione di Avvisi più intera) sono per gli storici una enorme e straordinaria fonte di ricerca, anche se rappresentano un rompicapo per la difficile decifrazione e trascrizione.

Il seminario di Firenze è stato organizzato nell’ambito del progetto EURONEWS finanziato dall’Irish Research Council, che ha sede nello storico Palazzo Alberti di via de’Benci, il cui scopo è quello di studiare la vasta collezione di Avvisi manoscritti inviati in particolare alla corte medicea da ogni parte d’Europa, e che oggi sono conservati presso l’Archivio di Stato di Firenze in oltre 200 volumi per una totale di oltre 100.000 Avvisi.

Ad introdurre i lavori sono stati il professor Mario Infelise dell’Università Ca ’Foscari di Venezia, il Prof. Brendan Dooley ed il dott. Davide Boerio, dell’University College di Cork (Irlanda). Tutti gli interventi hanno messo l’accento sull’importanza del lavoro svolto da don Vincenzo, che ha presentato a docenti e studenti la sua opera, ormai giunta a tutte le biblioteche storiche d’Italia.

Con questo seminario si è dato inizio ad una futura collaborazione (oltre che amicizia) fra il fiorentino “Medici Archive Project” e don Vincenzo: lo scopo è di mettere in rete il suo lavoro attraverso una minuziosa e capillare catalogazione di parole, concetti e fatti storici presenti negli Avvisi sistini per un prezioso utilizzo da parte di studiosi e studenti della storia dell’informazione e della comunicazione durante l’età moderna.