Il Festival di poesia “La Punta Della Lingua” apre l’estate montelparese

Condividi questo articolo sui social o stampalo

MONTELPARO– Sarà il Festival internazionale di Poesia La Punta della Lingua ad aprire l’estate montelparese. La manifestazione infatti, debutterà con la 17^ edizione proprio nel borgo fermano: l’appuntamento è per sabato 18 giugno, a partire dalle 18.00 e per tutta la serata.

È proprio da Montelparo che partirà il prestigioso festival, per poi spostarsi a Macerata, Ancona, Recanati e Castelfidardo.  L’edizione 2022 si svolgerà dal 18 al 28 giugno.

La Punta della Lingua è un Festival Internazionale di poesia, co-diretto dal poeta Luigi Socci e dal critico Valerio Cuccaroni. Si tratta di un evento “totale” in cui la poesia si ibrida con altri linguaggi dell’arte: la musica, il cinema, il web, il teatro.

Come accadrà a Montelparo sabato prossimo, quando la poesia incontrerà il trekking urbano, le canzoni scritte da Pasolini e la musica da club.

Per l’esordio di questa edizione infatti, l’evento di sabato 18 giugno sarà composto di tre momenti e attraverserà l’intero borgo: prima un’escursione poetica del centro storico intervallata dalle letture di 5 poeti (Francesco Accattoli, Marta Chiacchiera, Andrea Lanfranchi, Franca Mancinelli, Piergiorgio Viti), poi lo spettacolo Cantata de Core di Frida Neri (voce) e Jacopo Matia Mariotti (violoncello) con le canzoni scritte da Pasolini. Infine, un deejay set dove al posto di un deejay ci sarà Luigi Socci: è il pj set, in cui si balla con i versi dei poeti più noti.

Non mancherà poi l’aperitivo all’ora del tramonto: taglieri di prodotti rigorosamente locali, da gustare con lo sguardo al panorama offerto dai Sibillini.

L’evento nasce dalla collaborazione de La Punta della Lingua con l’associazione culturale Hands, fondata lo scorso anno a Montelparo.

Con gli eventi in programma per l’estate 2022, l’associazione punta a raccontare il territorio in tutte le sue sfaccettature: artistico, enogastronomico, paesaggistico.

Dopo La Punta della Lingua il 18 giugno, il 17 luglio toccherà al CapraFest: una giornata dedicata alle erbe spontanee realizzata insieme all’associazione Capra&Cavoli.

Il 7 e 8 agosto invece, tornerà Pianostrano, il Festival del pianoforte e del prodotto nostrano. Dopo due edizioni con protagonisti quali Dente, Dimartino e Dardust, un’edizione natalizia sospesa per disposizioni governative, quest’estate ci  sarà finalmente il suo ritorno.

Nel suo primo anno di vita, Hands ha già organizzato due serate musicali nell’estate 2021 dopo mesi di chiusure, poi a marzo la donazione per i cittadini ucraini all’indomani dell’invasione russa. L’associazione aveva anche organizzato un’edizione natalizia di Pianostrano prevista per il 26 dicembre 2021, bloccata però a poche ore dalla partenza dai provvedimenti in materia di Covid. Per l’evento era stata anche organizzata una lotteria associata.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *