Al via la Settimana Laudato Sì, sabato l’incontro con i pescatori Sambenedettesi

Condividi questo articolo sui social o stampalo

In ascolto e in cammino insieme

La Settimana Laudato Sì è iniziata come un modo per celebrare il primo anniversario della lettera enciclica di Papa Francesco, “Laudato Si’: sulla cura della nostra casa comune”.

A livello locale, i Servizi Diocesani per i problemi sociali e del lavoro della Regione Marche insieme all’Ordine dei Frati Minori Cappuccini al servizio Giustizia, Pace e Integrità del Creato, le Comunità Laudato Sì, gli animatori Laudato Sì, alcuni animatori del Progetto Policoro, i membri di Economy of Francesco regionale, si ritroveranno al mattino di sabato 21 Maggio presso il Santuario Beato Bernardo di Offida e poi nel pomeriggio a San Benedetto del Tronto presso il Museo della Civiltà Marinara.

Al mattino i partecipanti ascolteranno la testimonianza di Padre Adriano Sella, coordinatore della Rete inter-diocesana “Nuovi stili di vita”, poi nel pomeriggio incontreranno i pescatori di San Benedetto del Tronto per ascoltare la loro esperienza sul progetto “A pesca di plastica”.
Inoltre durante la settimana verranno promossi degli incontri con ragazzi, comunità ed associazioni che si occupano di problematiche ambientali e sociali a Ripatransone, Force e Comunanza.

Programma di sabato 21 maggio
Ore 9.30 Accoglienza presso il santuario Beato Bernardo da Offida che si trova in Piazza Beato Bernardo, 3 – OFFIDA (AP).
Ore 10.00 Meditazione a cura di fr. Francesco Mengoni.
Ore 10.30 Confronto sui temi affrontati nell’incontro precedente, nonché sulle proposte emerse successivamente.
Ore 11.30 Testimonianza di Adriano Sella, coordinatore della Rete inter-diocesana “Nuovi Stili di Vita”.
Ore 12.30 Riflessioni sulle modalità di eventuali incontri successivi.
Ore 13.00 Pranzo conviviale presso un ristorante di Offida;
Ore 14.30 Partenza in macchina verso San Benedetto del Tronto per incontrare alcuni pescatori del progetto di raccolta della plastica in mare.
Ore 16.00 Saluti e partenze

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *