Grottammare, l’ingegnere Franco Pignotti in pensione

Condividi questo articolo sui social o stampalo

GROTTAMMARE – Poche parole e molti fatti: così Franco Pignotti, l’ingegnere del comune di Grottammare che lo scorso 28 febbraio ha terminato il suo servizio di responsabile del Centro elaborazione dati, salutato da amici e colleghi nel Giardino di Palazzo Ravenna.

L’ente ringrazia della collaborazione anche la sig.ra Rosalba Merli, in servizio presso le Manutenzioni esterne da settembre 2008, a riposo dal primo marzo.

Il rapporto di lavoro dell’ing. Pignotti con il comune di Grottammare è iniziato vincendo un concorso pubblico per geometra nell’area tecnica, ben 33 anni e 7 mesi fa, più esattamente il 1° ottobre 1987, dopo brevi esperienze a tempo determinato. 

Nell’estate del 1993, supera un concorso interno per il ruolo di programmatore di sistema e da quel momento, per oltre 25 anni, si occupa degli aspetti informatici della macchina amministrativa, traghettando il Comune da un’era all’altra della pubblica amministrazione, dalle carte, all’informatizzazione di tutti i procedimenti, consentendone la semplificazione e facilitandone l’accesso ai cittadini, tramite i servizi on line e le app Io e PagoPA. Tra i progetti più “popolari”, va ricordato inoltre l’impegno nell’attivazione del wi-fi gratuito nelle principali piazze cittadine e sul lungomare. Lascia il testimone alla sua collaboratrice Monica Consolini.

“Il comune di Grottammare è grato all’ing. Franco Pignotti per il lavoro che ha svolto in tutti questi anni – dichiara il sindaco Enrico Piergallini -. Bisogna infatti sapere che grazie all’ing. Pignotti, per la prima volta, il Comune ha strutturato un Ced, cioè un servizio informatico che ha consentito all’ente di innovarsi, di essere costantemente al passo con i tempi e di acquisire competenze che ci consentono di guardare ai prossimi anni con sicurezza, grazie a una struttura ormai consolidata. Il suo contributo personale oltre che professionale a questo sviluppo è stato determinante”.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *