FOTO Montemonaco ha onorato San Sebastiano Martire

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Di Daniela Litta

MONTEMONACO –  Si è svolta ieri mattina, mercoledì 20 gennaio, a Montemonaco, la commemorazione in onore di San Sebastiano Martire, Patrono del paese.
I fedeli si sono ritrovati per il religioso appuntamento, alle ore 9.00 nella Piazza principale del paese, da dove sono partiti a piedi in direzione della Chiesa di Santa Maria in Casalicchio a Tofe.
La commemorazione e la celebrazione sono avvenute in questa chiesa, densa di storia e Carica di fede, tramandata dai padri antichi, che come Monsignor Bresciani ha ricordato, i fedeli sono chiamati a tenere viva anche mediante la tradizione.
Tradizione molto sentita dai Montemonachesi, legata anche alle opere di pacificazione che in questa chiesa venivano siglate.
Commentando la prima lettura, Il Vescovo Bresciani, ha sottolineato l’ importanza di confidare nella Forza di Dio, per affrontare ogni difficoltà, forza che ci perviene dalla certezza del
Suo Amore e che non può non corroborare.

Relativamente al passo del vangelo, in riferimento al chicco di grano che diviene frutto, monsignor Bresciani ha evidenziato quanto questo esempio possa richiamare a quello spenderci, a quel morire nell’egocentrismo, per fruttificare in relazioni autenticamente ricche e feconde.

Parole che non possono non essere arrivate al cuore dei fedeli di Montemonaco e a tutta la comunità, colpita particolarmente dagli eventi sismici, che ha sempre dimostrato di fronteggiare le diverse circostanze susseguitesi con grande coraggio e saldezza, rivolgendo sempre uno sguardo fiducioso al futuro, intravedendo opportunità nelle difficoltà, traendone motivazione.

Presenti: il Sindaco Francesca Grilli, prima donna Sindaco del paese e i vigili locali, di cui San Sebastiano è Protettore, per questo particolarmente presenti e legati da sempre a questa commemorazione.

Nel rispetto delle normative Anti Covid, durante la giornata, sono stati distribuiti dall’Amministrazione Comunale, a domicilio, il pane e il vino cotto benedetti a tutti i residenti come da tradizione.

La celebrazione di domenica 23 gennaio, prevede la benedizione dei pani e, a conclusione, sull’esterno della chiesa, la benedizione degli animali.

 

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *