- L'Ancora Online - http://www.ancoraonline.it -

Adorazione Eucaristica Perpetua, diventa adoratore presso la Chiesa di Sant’Agostino di Grottammare

GROTTAMMARE – “Vorrei che ci ponessimo tutti una domanda: Tu, io, adoriamo il Signore? Andiamo da Dio solo per chiedere, per ringraziare, o andiamo da Lui anche per adorarlo?
Che cosa vuol dire allora adorare Dio? Significa imparare a stare con Lui, a fermarci a dialogare con Lui, sentendo che la sua presenza è la più vera, la più buona, la più importante di tutte. Ognuno di noi, nella propria vita, in modo consapevole e forse a volte senza rendersene conto, ha un ben preciso ordine delle cose ritenute più o meno importanti. Adorare il Signore vuol dire dare a Lui il posto che deve avere; adorare il Signore vuol dire affermare, credere, non però semplicemente a parole, che Lui solo guida veramente la nostra vita; adorare il Signore vuol dire che siamo convinti davanti a Lui che è il solo Dio, il Dio della nostra vita, il Dio della nostra storia.” Papa Francesco

Una bella occasione di adorare il Signore in diocesi, come ci ricorda Papa Francesco, ci è data dall’Adorazione Eucaristica Perpetua presso la Chiesa di Sant’Agostino della parrocchia di San Giovanni Battista di Grottammare.
L’adorazione è accessibile dalle ore 7.00 alle ore 24.00 liberamente dalla porta principale della Chiesa e dalle 24.00 alle 7.00 attraverso la porta del Chiostro dopo l’inserimento della Password riservata agli adoratori iscritti o a quanti ne facciano richiesta.

I responsabili invitano quanti siano interessati ad iscriversi come adoratori, così da poter dedicare un po’ di tempo settimanale a Gesù Eucarestia.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito www.adorazioneperpetuagrottammare.it
Inoltre è possibile trovare anche le fasce orarie in cui c’è maggiormente bisogno: http://www.adorazioneperpetuagrottammare.it/aderisci_online.aspx

Alcuni consigli di Don Giorgio Carini:
– Il primo gesto quando entriamo in Chiesa deve essere la genuflessione in segno di rispetto a Dio presente in mezzo a noi
– Poi ci mettiamo seduti e piano piano come l’acqua increspata, dobbiamo far si che i pensieri si posino
– Dobbiamo rimanere un tempo congruo per poterLo ascoltare
– Dobbiamo adorarLo con il cuore e non con le labbra, non dobbiamo essere protagonisti noi con i nostri pensieri ma metterci in ascolto di Gesù.
– Pregate se volete con i libretti che sono a supporto dentro la salette, io personalmente prego il Santo Rosario
– Contegno per aiutare il cuore, custodiamo il silenzio.