Force, Giovanna Bellabarba (Presidente AC): “Si vivono momenti di vera gioia nello stare insieme”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

FORCE – Procedono le attività organizzate dall’Azione Cattolica della Parrocchia di San Paolo Apostolo d Force. Questa settimana abbiamo sentito Giovanna Bellabarba presidente dell’AC di Force.

Giovanna come state vivendo questo periodo di pandemia?
Le attività in parrocchia procedono in maniera serena e regolare: abbiamo otto classi di catechismo composte da ragazzi e bambini che vanno dalla prima elementare al primo superiore. Dunque gli incontri si svolgono in presenza, ma sempre mettendo in atto tutte le dovute accortezze. Con i nostri sacerdoti, in particolare con Don Luca Rammella seguiamo dei corsi di formazione, sempre in presenza, rivolti appunto a catechisti oltre a catechesi inerenti diversi argomenti. Insomma stiamo cercando di vivere questo periodo in maniera tranquilla, aiutando chi nella comunità lo vive con difficoltà.

 

Come si articola la vostra realtà?
La nostra realtà parrocchiale è compresa da varie associazioni, ci sono le confraternite una del Santissimo Crocifisso e l’altra composta dalle consorelle della Beata Maria Assunta Pallotta. Da moltissimi anni è presente l’Azione Cattolica, la corale che porta il nome della Beata e il piccolo coro parrocchiale.

Su quali argomenti in particolare vi state soffermando?
Il tema che stiamo trattando da alcuni mesi è quello della carità, generosità e disponibilità verso chi è meno fortunato. Con i bambini e ragazzi del catechismo abbiamo svolto delle attività il cui ricavato è stato devoluto a un’associazione che si occupa di bambini meno fortunati. Nelle scorse settimane abbiamo addobbato un albero in Chiesa dove la comunità e i ragazzi possono lasciare dei pacchi regalo.

Quali sono i progetti futuri?
Per le prossime attività, abbiamo pensato di organizzare qualcosa di culturale per gli adulti cercando di coinvolgere la nostra unità Pastorale, si tratta di una conferenza spettacolo sul Pontefice Papa Sisto V. In particolare per i ragazzi si terrà la proiezione del film d’animazione sul Natale “Gli eroi del Natale”.

Perché a suo avviso è importante fare parte dell’Azione Cattolica
Un giovane e un adulto dovrebbe entrare in Azione Cattolica perché ti forma, se questo momento viene vissuto con passione, amore verso il nostro Signore Gesù e Maria Santissima. Ritengo che sia una vera scuola di donazione di se stessi per il bene del nostro prossimo. Si vivono momenti di vera gioia nello stare insieme.

Dopo il sisma procedono i lavori di ricostruzione. Come state vivendo tutto questo?
Per quanto riguarda il terremoto è difficile dimenticare ogni tanto si fa sentire con piccole scosse. Il fatto che i lavori di ristrutturazione stiano andando avanti, soprattutto nel centro storico, ci permette di vivere più tranquillamente. Alcuni lavori sono già stati ultimati, come quelli della nostra splendida Chiesa di San Francesco. La speranza è che con il tempo tutto torni alla normalità.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *