Giornata per l’eliminazione della violenza contro le donne, a Monteprandone l’iniziativa “Generare culture non violente

Condividi questo articolo sui social o stampalo

MONTEPRANDONE – Per la Giornata per l’eliminazione della violenza contro le donne, Monteprandone organizza una serie di iniziative dal titolo “Generare culture non violente”. Il progetto prevede letture, approfondimenti e uno spettacolo teatrale per sensibilizzare e promuovere l’impegno contro la violenza a partire dalle nuove generazioni. Gli eventi sono organizzati in collaborazione con le cooperative On the road e COOSS Marche, l’associazione Laboratorio Minimo Teatro, le lettrici e i lettori volontari di Nati per Leggere della Provincia di Ascoli Piceno e la Libreria Nave Cervo, con il patrocinio e il sostegno del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

La manifestazione si terrà domani, Mercoledì 24 Novembre, presso il Centro Pacetti, in via San Giacomo 107 a Centobuchi di Monteprandone. Si partirà alle ore 17:30, con un incontro di letture condivise e promozione alla lettura in famiglia in età prescolare curato delle lettrici e dei lettori volontari NpL della Provincia di Ascoli Piceno dal titolo “Nati per Leggere. Contro gli stereotipi di genere”.

In serata, a partire dalle ore 21:00, dopo i saluti del sindaco Sergio Loggi e dell’assessora alle pari opportunità Roberta Iozzi, ci saranno gli interventi di Laura Gaspari, coordinatrice Centro Antiviolenza Donna con Te e Diletta Baldassarri, assistente sociale dello Spazio Ascolto Donne, sportello attivo nel Comune di Monteprandone che offre ascolto ed accoglienza alle donne in difficoltà tramite servizi di consulenza psicologica e legale, al fine di sostenere situazioni di disagio personale, familiare e relazionale e di violenza psicologica, fisica, economica e sociale.

Si terminerà con “UNA su TRE”, performance teatrale contro lo sfruttamento e la violenza sulle donne costruito attorno al monologo dell’attrice Franca Rame che racconta della violenza subita dall’attrice nel 1973.

Curato dal Laboratorio Minimo Teatro, lo spettacolo ha l’obiettivo di sensibilizzare e promuovere l’impegno anche nelle nuove generazioni nella consapevolezza che una cultura fondata su egoismi, aggressività e svalutazione o esaltazione puramente materiale del corpo rischia di spezzare la coesione sociale che, al contrario, deve essere fondata sulla parità, sul rispetto e sul valore della persona nella sua integrità. Attrici ed interpreti: Paola Lucidi, Laura Angelini, Eleonora Balestra, Giorgia Ferranti, Camilla Orazi, Raffaella Orsini, Francesca Piccioni ed Emanuela Traini. Regia di Paola Lucidi.

Sia per le letture pomeridiane, sia per l’evento serale è necessaria la prenotazione via sms/whatsApp al numero 3663441355. L’ingresso sarà consentito con Green Pass, nel rispetto della normativa antiCovid.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *