Alessandro Ciarrocchi da Grottammare a Montelparo per il testo “Le statue dedicate a Sisto V”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Di Giuseppe Mariucci

MONTELPARO – Pomeriggio intenso quello trascorso sabato 23 ottobre a Montelparo: ci ha raggiunti infatti Alessandro Ciarrocchi da Grottammare autore del prezioso testo “Papa Sisto V – le statue dedicate a Sisto V” in fase di completamento e pubblicazione.
Eravamo pronti a riceverlo con il nostro grande artista Giovanni Beato che partecipò, collaborando fattivamente con l’autore Pericle Fazzini nel 1985/1986, alla preparazione (avvenuta proprio a Montelparo all’interno della Chiesa di Santa Maria Novella) dell’opera che risplende ora a Montalto delle Marche e dedicata appunto a Papa Sisto V°.
Il motivo di questo incontro era infatti proprio quello di poter conoscere l’artista montelparese (recentemente destinatario del Premio alla Carriera, nell’ambito della Quinta Edizione, con il “Premio Internazionale Città di Firenze Ut Pictura Poesia”) e farsi quindi raccontare quella bellissima e incredibile esperienza allora passata con Fazzini!
Era anche presente l’altro grande montelparese, il Prof. Filippo Cruciani, che, tra le molte sue opere, può vantare la pubblicazione del libro “Il Cardinal Montelparo, un marchigiano nella Roma di Sisto V°”. In questo testo, oltre ad essere presente in continuità il Cardinale Gregorio Petrocchini, è ricorrente anche la presenza storica di Papa Sisto V° di cui il Cardinale Montelparese era “Camerlengo”. Il testo contiene inoltre una eccezionale commedia che, messa in scena nell’anno in cui ricorreva il 400° anniversario della morte del Petrocchini (2012), ebbe grande risalto e portò in scena alcuni tra i più grandi attori amatoriale marchigiani.
Dopo un esauriente “Giro Turistico del Paese” durante il quale è stata mostrata pienamente la bellezza di Montelparo, dei suoi monumenti, delle sue chiese (dopo anni di chiusura causa sisma, siamo potuti rientrare nella bellissima Chiesa di San Michele Arcangelo restaurata e in procinto di riapertura, nella sua Cripta farfense e nei locali attigui dove è presente la copia del polittico dell’Alunno – “Incoronazione della Vergine, Cristo deposto e Santi” -il cui originale fa bella mostra di se da quasi duecento anni nella Sala VI dei Musei Vaticani) e delle opere di Giovanni che sono presenti in esso, è stato possibile vedere ed ascoltare dalla viva voce di Beato foto, documentazioni e ricordi di quegli anni che lo videro spesso interagire, in tanta parte d’Italia, con il grande Pericle Fazzini!
La preparazione di quel particolare monumento in onore di Sisto V°, che fa oggi bella mostra di se in quel di Montalto delle Marche, richiese molto tempo e lavoro: è per questo che Fazzini era qui presente sistematicamente e immancabilmente tutte le settimane!

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *