Marche, matrimonio, sacerdozio o vita consacrata? Al via al Seminario regionale Pio XI un percorso di discernimento vocazionale

Condividi questo articolo sui social o stampalo

MARCHE – La vita del cristiano si configura in primo luogo come risposta alla chiamata di Dio. Come ogni essere umano, anche il cristiano desidera comprendere che cosa fare della sua vita e in questo si lascia interpellare dalla Parola di Dio. Come chiarito da Concilio Vaticano II, tutti i battezzati fanno parte del Popolo di Dio e in quanto tali contribuiscono all’edificazione del Regno di Dio, secondo diverse vocazioni. 

Quando si parla di vocazione, ancora oggi si pensa solamente alla scelta di consacrarsi a Dio, quasi che i laici nella loro vita affettiva e lavorativa non siano chiamati da Dio. Al contrario, la vita matrimoniale, la vita sacerdotale e quella consacrata sono diverse risposte a una chiamata di Dio. 

Per comprendere però a cosa Dio ci chiama nella nostra vita è necessario un percorso di discernimento, possibilmente svolto in forma comunitaria, attraverso il quale – con momenti di fraternità, di lectio divina, di catechesi e di testimonianze – si possa intraprendere la strada giusta per la propria vita.  

Per questo motivo il Seminario Regionale Marchigiano Pio XI, in collaborazione con l’Uffici Regionale per la Pastorale delle Vocazioni organizza una serie di incontri di orientamento e discernimento rivolto ai giovani dai 18 anni in su dal titolo “Fate quello che vi dirà”. 

Gli incontri si terranno dalle 9.30 di sabato alle 16.00 di domenica con cadenza mensile a partire dal mese di ottobre, fino a maggio dell’anno prossimo (con esclusione del mese di aprile) presso il Seminario Regionale, sito in Strada di Monte d’Ago 87 (Ancona). 

Dopo un primo incontro di introduzione al percorso che si terrà il giorno 23 ottobre, il ciclo prosegue nei giorni 13 e 14 novembre quando sarà trattato il tema “La vocazione alla vita” e nei giorni 11 e 12 dicembre quando si parlerà de “La vocazione all’amore”.

Dopo questi incontri di carattere generico e introduttivo nei successivi week-end saranno presentati tre percorsi vocazionali specifici: nei giorni 29 e 30 gennaio ci si concentrerà sulla vocazione al matrimonio, nei giorni 5 e 6 febbraio sarà la volta della vocazione al presbiterato e, infine nei giorni 5 e 6 marzo sarà trattato il  tema della vocazione alla vita consacrata.

Il percorso di orientamento e discernimento di concluderà nei giorni 21 e 22 maggio, quando avrà luogo un week-end di fraternità. Per poter partecipare è richiesto un contributo di 30 € ed è necessario essere muniti di greenpass. Per informazioni e iscrizioni ci si può rivolge a don Claudio 3338805359 o a don Andrea 3386504200.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *