V Centenario della nascita di Sisto V, i giovani del liceo di Monterotondo sposano il progetto “Adotta Montemonaco paese terremotato”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

MONTEMONACO – E’ stata un’esperienza che non dimenticheranno quella che hanno vissuti le studentesse e gli studenti del liceo scientifico “G. Peano” di Monterotondo nell’ambito del progetto “Adotta Montemonaco paese terremotato”. In particolare nella giornata di ieri, a Montemonaco, sono stati presentati i progetti curati da alunni e docenti nel corso di un’iniziativa organizzata dai Musei Sistini del Piceno, in collaborazione con il Comune di Montemonaco e di Monterotondo, e rientra tra le attività delle Celebrazioni per il V Centenario della nascita di Papa Sisto V.  Il progetto “Adotta il paese terremotato” è stato dedicato alla chiesa di San Lorenzo di Vallegrascia, molto danneggiata dal terremoto, con un focus sull’importante recupero e restauro post-sisma delle lastre scolpite provenienti dalla chiesa e oggi al Museo di Arte Sacra di Montemonaco. Un lavoro reso possibile grazie al legame tra i Musei Sistini e Maria Gaetana Barelli insegnante del liceo Peano, nata a Montemonaco, che afferma: «Sono molto legata alla mia terra di origine, dopo il sisma volevo essere utile al mio paese, anche se lontano, così ho pensato di coinvolgere la mia scuola attraverso il progetto “Adotta Montemonaco paese terremotato”. Un’iniziativa che nasce da un’idea condivisa con i miei colleghi e dalla dirigente Roberta Moncado, e subito divenuta attività di PCTO ( alternanza scuola lavoro), siglata con la convenzione a firma della direttrice dei Musei Sistini, Paola Di Girolami. Un progetto che è stato realizzato in un momento difficile, durante il lockdown».

«Molti materiali prodotti sotto forma di video relativi alla figura di Sisto V – prosegue la professoressa – sono stati girati nelle camere dei ragazzi mentre la brochure è stata pensata e realizzata durante i collegamenti a distanza. Un progetto dalla grande valenza formativa di cittadinanza attiva: i ragazzi aiutando un paese terremotato nella valorizzazione del suo patrimonio culturale nel quadro di un’azione pubblica e lo trasmette alle generazioni future. La brochure, tradotta in italiano ed in inglese, che abbiamo consegnato ieri alla direttrice dei Musei Sistini, ha questo immenso valore. La scuola dentro la società civile. Un esempio di come la conoscenza del passato può essere trasformata in mezzo per agire sul futuro rendendo i nostri studenti protagonisti delle radici storiche di una comunità. Sicuramente un progetto che continuerà, questo è solo l’inizio di un lungo percorso; siamo lavorando alla costruzione di una visita del museo multimediale e alla realizzazione di audioguide sempre in italiano ed in inglese».

L’incontro di domenica ha chiuso la stagione estiva degli eventi dei Musei Sistini pensata in occasione del V Centenario della nascita di Sisto V. A riguardo la direttrice dei Musei Sistini Paola Di Girolami sottolinea: «Grande successo per la presentazione dei progetti a cura della classe 5C del Liceo Scientifico “G. Peano” di Monterotondo. In questi due anni i ragazzi hanno lavorato con dedizione sui due progetti “Adotta il paese terremotato” e “Sisto V: da Roma al patrimonio della sua terra”. Nonostante la pandemia, e l’importante impegno degli esami di maturità, i ragazzi si sono occupati dello studio delle lastre di San Lorenzo di Vallegrascia. Lo studio è partito dai danni che il territorio ha subito dopo gli eventi sismici del 2016 e i ragazzi hanno restituito alla comunità questa puntuale indagine. Inoltre, è stata da loro prodotta una bellissima brochure informativa, finanziata dal Liceo Scientifico “G. Peano” e un codice QR, affisso sulle porte del Museo di Arte Sacra di Montemonaco e sulla chiesa di San Lorenzo, che permetterà a chi lo scansiona, di fare un approfondimento sull’architettura, la scultura e, ovviamente, sulle lastre conservate ed esposte presso il nostro Museo Sistino di Montemonaco. Oltre a questo progetto i ragazzi hanno portato avanti uno studio sulla figura di Papa Sisto V. Ringraziamo tutti i ragazzi che hanno partecipato e si sono impegnati moltissimo, realizzando un interessantissimo progetto , la dirigente scolastica del Liceo Scientifico “G. Peano” Roberta Moncado, i tutor che hanno seguito i ragazzi, professoresse Luisella Dragonetti, Maria Gaetana Barelli e Giulia Polzonetti, il sindaco di Monterotondo, Riccardo Varone e quello di Montemonaco Francesca Grilli, che hanno partecipato all’incontro. Un progetto davvero interessante che speriamo di poter portare avanti con nuove idee».

I Musei sistini rimarranno sempre aperti fino al 12 settembre nell’ambito della mostra “I doni di Sisto V alle terre del Piceno”, per poi aprire nel periodo autunno-inverno in occasione di attività specifiche, come visite guidate o eventi.

 

 

 

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *