Si conclude il Cupra Musica Festival

Condividi questo articolo sui social o stampalo

CUPRA MARITTIMA – La diciannovesima edizione del Cupra Musica Festival, dopo 6 appuntamenti serali e 3 all’albachiude straordinariamente con l’ultimo concerto, nello splendido salone di Villa Vinci-Boccabianca con la presenza del pluripremiato pianista marchigiano Lorenzo Di Bella.

Un Festival, che nonostante l’emergenza coronavirus, ha saputo regalare grandi emozioni non solo sotto il cielo stellato con le esibizioni dei Bad Brother’s Saxophone Quartet nella prima serata a Villa Cellini, con l’omaggio ad Astor Piazzolla dello straordinario Daniele di Bonaventura al bandoneon nella suggestiva cornice di Parco sul ma anche al sorgere del sole, con la novità dei Suoni dell’alba, con grande successo di pubblico, nonostante l’orario impegnativo dei concerti. La fusione dei colori caldi dell’aurora e dei suoni armoniosi degli artisti ha contribuito a rendere magica la nascita del nuovo giorno, grazie al violinista Valentino Alessandrini, al Duo Rocaille (Clementina Perozzi al clavicembalo e Loredana Chiappini, soprano) al pianista e direttore artistico del festival Davide Martelli, con la performance dei bravissimi ballerini di tango, Irene Coccia e Manlio Agostini.

Per il concerto di chiusura del Cupra Musica Festival martedì 31 agosto alle ore 21.30, a  Villa Vinci Boccabianca, la Pro Loco con la collaborazione e il patrocinio del Comune di Cupra Marittima, presenta un vero e proprio evento musicale, con La Poesia della Musica – Après une lecture du Dante, in collaborazione con il Festival Dentro e Fuori le mura diretto da Lucilio Santoni ed a seguito delle due serate dantesche del noto attore Giorgio Colangeli intitolate La musica della poesia: uno straordinario concerto che vede la partecipazione del pianista Lorenzo Di Bella, impegnato in un complesso recital che prevede l’esecuzione di musiche romantiche di Chopin, il poeta del pianoforte e di Liszt, il grande virtuoso dello strumento che ha composto una fantasia quasi sonata ”dopo una lettura di Dante”, ispirato dal V canto dell’Inferno.  Il grande pianista russo Lazar Berman pochi mesi prima della sua scomparsa ha così presentato Di Bella: “Lorenzo è un notevole pianista di talento, un brillante virtuoso, un emozionante e raffinato musicista. Io sono stato suo insegnante per tre anni e ho sempre ammirato la sua grande abilità tecnica e la sua forte personalità artistica ma soprattutto la sua voglia di parlare al pubblico..”. Nel 1995 si è aggiudicato il “Premio Venezia”, il più importante concorso nazionale a seguito del quale ha tenuto recitals per le maggiori società concertistiche italiane. Si è aggiudicato nel 2005 il primo premio e medaglia d’oro al concorso pianistico Horowitz di Kiev (membro della Federazione Internazionale dei Concorsi di Ginevra). Per meriti artistici nel 2006 gli è stato consegnato  in Quirinale dall’ex Presidente Ciampi il Premio Sinopoli. Per la sua attività artistica è stato insignito in Campidoglio del Picus del Ver Sacrum insieme all’attore MAX GIUSTI e al regista PIER LUIGI PIZZI, quale “Marchigiano dell’anno 2006”, riconoscimento istituito dal CE.S.MA di Roma.
Dal 2019 è docente di pianoforte principale presso il conservatorio “G.Rossini” di Pesaro e direttore artistico dell’Accademia Pianistica delle Marche di Recanati dove ogni anno organizza masterclass  con pianisti e didatti di fama internazionale.
E’ ideatore e direttore artistico della stagione concertistica CIVITANOVA CLASSICA Piano Festival, del “Mugellini Festival” di Potenza Picena  e del Concorso Pianistico “La Palma d’Oro” di San Benedetto del Tronto.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *