Don Luigi Petrucci, il ricordo di Marco Concetti, Presidente della Corale Sisto V

Condividi questo articolo sui social o stampalo

GROTTAMMARE – “Per 30 anni il Maestro Petrucci ha diretto la Corale Sisto V in maniera impeccabile, alzando la così detta “asticella” di quello che era un coro di appassionati”. Con queste parole il presidente della Corale Sisto V, Marco Concetti ricorda Don Luigi Petrucci.

Il Presidente Concetti afferma: “Anche dopo il suo ritiro dalle scene abbiamo sempre mantenuto vivi i rapporti confrontandoci spesso sulle varie sfaccettature dei repertori e della vita del coro. A prova del nostro grande legame con lui diversi anni fa abbiamo contattato il Maestro Stefania Pulcini (sua allieva) per dare una continuità al lavoro svolto con il nostro grande Mestro. Perdiamo purtroppo un grandissima guida e da ora sta a noi portare avanti la sua musica ed i suoi insegnamenti”.

La vita ecclesiastica (dal sito della diocesi di Ascoli Piceno)
Nato ad Amatrice il 21 giugno 1937 da Pietro e Matilde, don Luigi Petrucci, ricevette il Battesimo nella Pievania di san Fortunato in San Giovanni di Amatrice in data 11 luglio 1937 e il 15 agosto 1949 ricevette la Cresima dal vescovo Mons. Ambrogio Squintani.
Entrato nel Seminario di Ascoli Piceno seguì il corso normale degli studi e ricevette gli ordini minori del Lettorato il 21.02.1959 e dell’Accolitato in data 18.10.1959; il 28 febbraio 1961 ricevette l’ordinazione diaconale nella Cattedrale di Ascoli Piceno da Sua Ecc.za Mons. Marcello Morgante.
Mentre il 29 giugno del 1961 ricevette l’ordinazione presbiterale  sempre da Mons. Morgante in cattedrale. Il 1 agosto 1961 ricevette la nomina di Vicario Cooperatore della parrocchia di san Giacomo apostolo in Città e successivamente il 06.07.1963 divenne Parroco di san Martino in Colonna di Ascoli Piceno. Nel 01.07.1967 divenne parroco di santa Veneranda in Vallesenzana di Ascoli Piceno e il 06.09.1986 Parroco in solido di san Marcello Papa in Città.
Insegnante e appassionato di Musica Sacra ricevette l’incarico dell’Associazione “Pueri Cantores” il 25.03.1968 e la delega diocesana per la Musica sacra il 12.03.1968. In data 12.01.2008 divenne parroco di sant’Angelo Magno e Rettore della Chiesa Madonna del Ponte in Porta Cartara.

Il grande impegno nella musica sacra
Diplomato al Conservatorio di Pescara in composizione e direzione di Coro, insegnò Canto, Musica Sacra e Accompagnamento musicale in Seminario per tanti anni. Successivamente fu docente di Teoria e Solfeggio e Storia della musica presso l’Istituto Musicale Gaspare Spontini di Ascoli e nel frattempo docente di Teoria e Solfeggio presso il Conservatorio “Luisa D’Annunzio” di Pescara
Autore di un testo di Teoria Musicale in 2 volumi editi dalla BERBEN di Ancona adottato e apprezzato da docenti e allievi.
Fu poi nominato Direttore dell’Istituto Musicale Gaspare Spontini nel 1987/88.
Allievo del grande Maestro Arturo Clementoni, compose musiche sacre soprattutto dopo la riforma liturgica del 1968. Guidò il Coro polifonico del Seminario e fu Direttore della Corale Polifonica Ascolana A. Clementoni e della Corale Sisto V di Grottammare e realizzò il Coro diocesano che ha seguito finché la salute glielo ha permesso.
Compose musiche sacre e si dedicò alla diffusione delle composizioni sacre e profane del Maestro Clementoni in particolar modo della “Missa Iubilaris” con cui il Maestro vinse il concorso nazionale per l’anno santo del 1950.

Gli ultimi anni
Ha passato gli ultimi anni nella Casa del Clero e poi presso il Villaggio di santa Marta. La morte lo ha colto il giorno 11 luglio 2021 all’Ospedale civile di Ascoli Piceno.
In questo ricordo di Don Luigi Petrucci, vogliamo sottolineare la sua preziosa attività di didatta, di studioso di storia della musica nonché di direttore di coro preparato e competente.
Di carattere mite, sempre disponibile e sorridente verso tutti, cortese e riservato, Don Luigi ha lasciato un’impronta molto significativa nella chiesa ascolana per il suo amore alla liturgia, alla musica sacra e al canto. Requiescat in Pace.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

1 commento

  • Giuseppe     15 luglio 2021 alle 13:10     Permalink

    Riposa in pace maestro.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *